“Alpi dell’Arte”, rassegna nazionale dei sei più noti artisti di montagna COMMENTA  

“Alpi dell’Arte”, rassegna nazionale dei sei più noti artisti di montagna COMMENTA  

Cuneo – Con l’inaugurazione di giovedì 17 gennaio, alle 17,30 prende il via nella chiesa di San Francesco a Cuneo la rassegna nazionale “Alpi dell’Arte” dedicata a sei tra gli artisti di montagna più noti: Tino Aime (Roaschia /valle Susa), Bernard Damiano (Coumboscuro), Dorino Ouvrier e Giovanni Thoux (Valle d’Aosta), Roberto Lucchinetti (Val Chiavenna) e Willy Messner (Valle Gardena).
Per due mesi Cuneo sarà crocevia di incontro e confronto delle Alpi e della loro civiltà di montagna che ha saputo, nei secoli, creare alte espressioni di valore artistico, che hanno raggiunto l’Europa e le terre oltreoceano. Esempio significativo e poco noto, le esperienze artistiche delle popolazioni walser che hanno realizzato la maggior parte degli stucchi e dei falsi marmi nella reggia e nelle maggiori residenze degli Zar. In epoca contemporanea da citare l’opera di Bernard Damiano di Coumboscuro, posta come ultima statua del complesso monumentale della cattedrale di Chartres.

Leggi anche: Papa Francesco: il discorso per l’Immacolata Concezione

“Alpi dell’Arte” si inserisce fra le importanti rassegne cuneesi dedicate alla civiltà ed all’etnografia alpina. Al centro del percorso dei sei artisti il legno, la pietra, la tela, il segno. Espressività artistiche che usano materie povere, che permettono intuitività primitive, capaci di riportare alle origini, all’essenza percettiva più intima e vera, dove le masse grezze vengono modellate da animi semplici, schietti e lontani dai salotti di tendenza e mode passeggere. La rassegna sarà ospitata nella chiesa di San Francesco, complesso monumentale appena restaurato, che si presenta come luogo di straordinaria bellezza, dove la semplicità francescana ben si fonde con le schiette espressioni creative di uomini che trasmettono i valori alpini.

Leggi anche: Scongelate le dimissioni di Matteo Renzi

La preziosa presenza degli artisti in occasione dell’apertura della rassegna “Alpi dell’arte”, darà l’occasione per proporre, venerdì 18 febbraio, una mattinata di “incontri con l’artista” con gli studenti delle scuole della Granda, nell’ambito del programma Azione Province Giovani. Gli artisti presenteranno la lavorazione della pietra ollare e nel legno, compresa la dimostrazione delle tecniche dell’intarsio della modellatura e del basso e alto rilievo. Sarà anche allestita una libreria con i più preziosi titoli editi sulla civiltà alpina, la tradizione, l’arte pastorale, comprese le monografie disponibili degli artisti in mostra. La rassegna è curata in collaborazione e con il sostegno del Comune di Cuneo, della Provincia di Cuneo, della Regione Autonoma Valle d’Aosta, della Regione Piemonte, dell’ATL del Cuneese, dell’associazione Escolo de Sancto Lucio de Coumboscuro, di Coumboscuro Centre Prouvençal, ed è fa parte del progetto “Terra amata giovani” sostenuto dall’Unione Province Italiane e dal Ministero per le Politiche Giovanili di cui la Provincia di Cuneo è ente capofila.

La rassegna “Alpi dell’arte” è visitabile dal martedì a domenica dalle 15 alle 18, sabato dalle 10,30 alle 13 e dalle 15 alle 18. Chiuso il lunedì e il mercoledì . Visite guidate su prenotazione telefonando al numero 0171-634175.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

Suzanne Brack: "volevo uccidere mia figlia"
Esteri

Suzanne Brack: “volevo uccidere mia figlia”

Suzanne Brack, 26 anni, mamma di due figlia. Cade in una bruttissima depressione post parto e una volta riuscita a sconfiggerla, si sfoga su facebook.   Suzanne Brack è una mamma di 26 anni di Dublino. Una mamma che ha voluto un secondo figlio ma che, dopo aver partorito una bellissima bambina, è caduta in una terribile depressione post parto che l'ho portata, giorno dopo giorno, all'alienazione e al pensare di odiare la sua piccolina.  Suzanne odiava la sua piccolina perché le toglieva il tempo pe ree sue cose, pe ri suoi interessi, perché la rendeva schiava di una routine che lei in quel Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*