”Ventisette gennaio 1945: il giorno della memoria” COMMENTA  

”Ventisette gennaio 1945: il giorno della memoria” COMMENTA  

”Ventisette gennaio 1945: il giorno della memoria”
La Provincia di Cagliari in occasione della Giornata della Memoria organizza, con la collaborazione di Gaetano Marino, due incontri di animazione alla lettura per bambini e ragazzi dai 9 ai 13 anni. L’attività, gratuita, promossa dalla Biblioteca Provinciale Ragazzi si terrà nei giorni 24 e 27 gennaio 2012, alle ore 18,00 presso la sala conferenze del nodo infea adiacente alla Biblioteca Ragazzi nel Parco di Monte Claro.

Attraverso le immagini di Roberto Innocenti e di di Emanuela Orciari Gaetano Marino racconterà la Shoah con storie e illustrazioni cariche di significato e di emozioni che sottolineano, con l’intensità dei ricordi d’infanzia, la drammaticità del male e la luce della speranza viste con gli occhi dei bambini.

Dal 1933 al 1945 sei milioni di ebrei, della mia gente, furono sterminati.

Leggi anche: Concorso voto3minuti, i video: “Cervicale Kalaritana, uno, prima, ciak, si gira”

Io no.
Io sono nata intorno al 1944.
Non so esattamente quando.
Non so neanche il mio vero nome.
Non so da dove vengo.
Non so se avevo fratelli o sorelle
L’unica cosa che so, è che avevo solo pochi mesi, quando fui strappata all’olocausto…..

Leggi anche: Il Cagliari pareggia 3-3 col Napoli in una partita vietata ai deboli di cuore

Nel suo viaggio verso la morte, mia madre mi scaraventò dentro la vita.

Tratto da La storia di Erika di Ruth Vander Zee e Roberto Innocenti edizioni la Margherita

ISCRIZIONE:
Ogni incontro prevede la partecipazione di un massimo di 25 bambini.

Per prenotare chiamare il numero 070 5284554/56 tutti I giorni dalle ore 9 alle ore 19,45 la domenica dalle ore 16 alle ore 20 o inviare una mail all’indirizzo bibliotecaragazzi@provincia.cagliari.it

PROVINCIA DI CAGLIARI
Assessorato alle Politiche Culturali
Via Cadello, 9/B – Cagliari

BIBLIOTECA PROVINCIALE RAGAZZI
Via Cadello 9/B
090131 CAGLIARI
tel 0705284552/554/556 fax 07052845

Leggi anche

Cagliari: uccide per frase su facebook
Sardegna

Cagliari: uccide per frase su facebook

Anche una frase scritta su un social come Facebook può scatenare la lite e portare alla morte, come è successo a Cagliari. La storia può sembrare davvero inverosimile, ma è quanto successo a Cagliari tra due uomini, provocando la morte di uno dei due. Alessandro Picci di anni 47 è morto per colpa di un 22enne a causa di una frase scritta su Facebook e che ha scatenato l'ira omicida. I due si conoscevano, sono vicini di casa, e a una frase di Picci relativa a un commento su un post di Aru, quest'ultimo ha deciso di presentarsi sotto casa Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*