1 luglio 1916: Comincia la Battaglia della Somme - Notizie.it
1 luglio 1916: Comincia la Battaglia della Somme
Storia

1 luglio 1916: Comincia la Battaglia della Somme

Dopo l’attacco dei tedeschi alla città-fortezza di Verdun, dando inizio alla cruenta e lunghissima battaglia omonima, il piano ideato dal comando congiunto anglo-francese di lanciare una grande offensiva al cuore dello schieramento tedesco dopo che le due armate si fossero congiunte in Piccardia, presso il fiume Somme, dovette essere rivisto. Con gran parte delle forze francesi impegnate a Verdun toccava all’esercito britannico, composto in maggior parte da gente inesperta vista la preponderanza della Marina nella loro struttura militare, il maggior impegno in quella che da essere una grande offensiva risolutiva era diventata un’importante operazione di alleggerimento. Dopo giorni di intensi bombardamenti preparatori le 15 divisioni inglesi e le 6 francesi avanzarono verso le trincee nemiche oltre il fiume, e cominciò il massacro. L’esiguo numero degli attaccanti rispetto ai tedeschi, che inoltre godevano di un’ottima disposizione difensiva, e una serie di errori di comunicazioni e di ordini rese totalmente vano quell’attacco.

A fine giornata furono 57.470 le perdite britanniche, contro le circa 8.000 tedesche. La battaglia su questo fronte, una delle più sanguinose dell’intero conflitto e la prima in cui ci fu un uso massiccio di carri armati, si protrasse per mesi, concludendosi solo il 18 novembre successivo con una modesta conquista territoriale da parte degli alleati. Ma decisive furono le conseguenze strategiche: l’esercito britannico si forgiò in questa lunga battaglia come una vera potenza militare anche di terra e il logoramento subito da quello tedesco invece ne segnò l’inizio della fine. Alla battaglia parteciparono alcune personalità che qualche anno dopo avrebbero raggiunto a vario titolo la fama mondiale: il futuro dittatore tedesco Adolf Hitler e i due scrittori britannici J.R.R. Tolkien e C.S. Lewis.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche