10 curiosità su Expo 2015 COMMENTA  

10 curiosità su Expo 2015 COMMENTA  

Tutte le curiosità che volevate, ma non avete mai osato chiedere, sull’evento Expo 2015:

1) Nel 2010 uno studio della Bocconi affermò che nel periodo che va dal 2011 al 2020, il progetto Expo poteva valere per l’economia italiana uno 0,18×100 nella crescita PIL per l’Italia.


2) L’expo Milano 2015, per quanto possa valere, non è riuscito a battere il record di visitatori di quello di Shangai nel 2010 (73 milioni di visitatori).

3) Ultimamente fiere del genere, nonostante le grandi sponsorizzazioni che le precedono, sono perlopiù dei flop veri e propri. Due esempi eclatanti sono Hannover 2000 ( pochi visitatori e perdite record) ed Haichi 2005 (3 milioni di visitatori in meno rispetto alle attese).

4) Molti media e la stampa (anche straniera) si sono lamentati di alcuni difetti del’Expo, come i telefoni perennemente muti e procedure ferraginose.


5) Una presenza micidiale di  “donne sul marciapiede” a Milano che hanno in qualche modo, rovinato l’immagine dell’esposizione universale.

6) Jacques Herzog, uno dei più grandi nomi dell’architettura internazionale, ha sparato a zero sull’evento, definendolo uno “spreco”.

7) Gaetano Castellini Curiel, per ordine del Comune di Milano, ha promosso in giro per il mondo l’Expò e la stessa città che lo ospita.


8) Cibo talvolta poco gradito: larve giganti, carne di coccodrillo ed insetti caramellati.

9) Alcune architetture sono molto particolari e tradizionali, per esempio gli Emirati Arabi, per la creazione del loro padiglione, si sono ispirati alla sabbia.

L'articolo prosegue subito dopo


10) L’Expo produce 80 tonnellate di rifiuti al giorno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*