10 Curiosità sugli Oscar COMMENTA  

10 Curiosità sugli Oscar COMMENTA  

L’Academy Awards è il precursore di tutti gli spettacoli legati agli Oscar – è la più anziana della sua categoria: data 1929. In attesa dell’edizione n°85, ecco a voi qualche curiosità sullo spettacolo più prestigioso di Hollywood.


1. La prima presentatrice della cerimonia era una famosa strega della Tv. Esatto, prima ancora di interpretare la strega Endora della serie “Vita da strega”, Agnes Moorhead era un’attrice di film molto impegnata, apparsa in più di 70 film e guadagnando ben 4 nomination agli Oscar. Nel 1948, insieme a Dick Powell, ha presentato gli Oscar, diventando la prima co-conduttrice di questa cerimonia.


2. Sempre parlando di presentatori, ce ne sono state alcune dozzine. Nel 2001, la strana coppia formata da James Franco e Anne Hathaway è stata assalita dai critici. Ma il più bizzarro co-conduttore degli Oscar è certamente Paperino. Nel 1958, l’icona animata ha fatto squadra con Bob Hope, Jack Lemmon, David Niven, Rosalind Russell e James Stewart per presentare la trentesima cerimonia degli Oscar.


3. All’inizio degli anni ’70, sia George C. Scott sia Marlon Brando hanno rifiutato il loro premio. Il primo perchè si riteneva il meno meritevole di vincere tra i candidati, mentre il secondo aveva ricevuto talmente tante critiche riguardanti l’abuso nell’industria cinematografica dei Nativi Americani, che lo stesso Brando invio un attivista nativo di 26 anni, Sacheen Littlefeather, alla cerimonia del 1973 per rifiutare il premio Oscar in sua vece.

L'articolo prosegue subito dopo


4. Uno dei momenti più memorabili degli Oscar, fu durante la 46^ cerimonia in cui un uomo nudo irruppe durante la presentazione per la Miglior Fotografia. Tra le risate del pubblico e la corsa folle dell’uomo, il presentatore David Nivens disse: “L’unica risata che un uomo riesce a strappare nella sua vita è spogliarsi e… mostrare di non essere all’altezza”. Cinque anni dopo, l’uomo che corse nudo, Robert Opel, rimase ucciso durante una tentata rapina.

5. Il Premio Oscar come Migliore Attrice vinto nel 1988 da Cher non fu uno shock totale (nonostante abbia battuto le sue concorrenti Meryl Streep e Glenn Close). Lo shock fu l’abito da “sogno ad occhi aperti” che l’attrice indossò durante la cerimonia, disegnato dallo stesso Bob Mackie.

6. Gli Oscar sono la perfetta occasione per radunare le più grandi bellezze (come Halle Berry) e le più grandi stranezze (come Bjork). Ma il vestito più insolito mai indossato agli Oscar è di Lizzy Gardiner, vincitrice dell’Oscar per Miglior Costumi nel 1995. Secondo Yahoo!Movies, l’abito era fatto con più di 300 American Express con il nome della costumista in rilievo.

7. Ci sono state un paio di statuette fatte “su misura”. Pare che il Premio del 1938 per il ventriloquo Edgar Bergen fosse fatto di legno, in onore della sua marionetta Charlie McCarthy. Nel 1939, l’Oscar per Walt Disney per “Biancaneve e i sette nani” era composto da una statuetta normale e altre sette di minori dimensioni.

8. “Un uomo da marciapiede” è l’unico film vietato ai minori ad aver vinto il Premio come Miglior Film. Nel 1969, l’Organizzazione americana dei produttori cinematografici (MPAA), ha dato al film di Jon Voight e Dustin Hoffman l’infausta etichetta di “film per adulti”, ma è stato poi ri-etichettato nel 1971.

9. Alfred Hichcock ha rilasciato il discorso più breve nella storia degli Oscar. Quando ha ricevuto il Premio Irving G. Thalberg Memorial durante gli Oscar del 1968, si è limitato a dire un semplice “Grazie” (aggiungendo poi “infinite”) e se ne è andato.

10. Il 2013 segna un cambiamento. L’espressione “Academy Awards” pare sia superata – almeno per quest’anno – non ci sarà quindi un gran baccano per l’edizione numero 85. Invece, quest’anno la cerimonia sarà semplicemente nominata “Gli Oscar”, come segnalano già tutte le locandine e pubblicità. Naturalmente, la maggior parte di noi li chimava già Oscar da molto tempo.

La cerimonia 2013 degli Oscar andrà in onda live da Hollywood, Domenica 24 Febbraio alle ore 19:00 sul canale ABC.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*