Le 10 migliori stampanti termiche portatili

Le 10 migliori stampanti termiche portatili

Tecnologia

Le 10 migliori stampanti termiche portatili

stampanti termiche

Possedete un esercizio commerciale e avete bisogno di una emettitore portatile di scontrini fiscali? Piccola guida all'acquisto di stampanti termiche.

Stampanti termiche: cosa sono

Ne incontriamo di ogni tipo e forma, praticamente ogni giorno, talvolta anche a decine o dozzine, specialmente se siamo – o siamo fidanzati o sposati con dei/delle – patiti/e dello shopping. Parliamo delle stampanti termiche, dette anche stampanti per scontrini, ovvero quelle macchine in grado di stampare scontrini e ricevute fiscali. Sappiate, per inciso, che le stampanti termiche sono incorporate in qualsiasi registratore di cassa, e devono rispondere a determinati criteri previsti dalla legge. La differenza principale è che i registratori di cassa hanno un costo mediamente più alto, mentre le stampanti termiche sono in genere degli apparecchi portatili, costano meno, in alcuni casi hanno bisogno di un cassetto per i contanti (ma non sempre: alcune stampanti termiche hanno un cassetto incorporato) e rappresentano la soluzione ideale per soluzioni provvisorie, ad esempio degli esercizi commerciali itineranti (mercati, fiere, bancarelle natalizie). Ma i criteri cui si devono attenere sono i medesimi.

Innanzitutto, devono stampare su carta termica, ovvero la classica carta per scontrini che si presenta in rotoli più o meno spessi. Si tratta, in sostanza, di un peculiare tipo di carta che presenta su un lato un’emulsione sensibile al calore e un reagente che ne causa la colorazione in presenza di una congrua fonte termica. Il combinato disposto tra registratori di cassa e/o stampanti termiche e questo tipo di carta è pressoché esclusivo, e determina una stretta interdipendenza tra gli uni e l’altra.

Stampanti termiche: guida all’acquisto

L’acquisto di una stampante termica di qualità introduce il potenziale acquirente in un terreno che definire paludoso corrisponde a un gentile quanto ingannevole eufemismo. Decine di prodotti, sfornati con cadenza poco meno che quotidiana e spesso di qualità quantomeno discutibile (e anche questo è un più che generoso eufemismo), vengono immessi sul mercato, spesso senza criterio, senza una policy comune dei prezzi che determini una concorrenza ben regolamentata e con ben poca cura per la qualità delle performance offerte.

D’altronde, gli esercizi commerciali sono talmente tanti, e si rinnovano con tale frequenza da garantire un business praticamente sconfinato ai produttori di tutto il mondo. Affidarsi a negozi specializzati serve a poco, dato che non esiste una vera e propria expertise su tale famiglia di prodotti; ne consegue che l’acquisto online offre grossomodo le medesime garanzie. E allora, proprio in tale ottica desideriamo offrire una piccola guida all’acquisto: nelle righe e nei paragrafi che seguono, vi indichiamo dieci stampanti termiche, tra quelle attualmente in commercio, che vale la pena prendere in considerazione nell’ottica di un’eventuale acquisto.

– Floureon Stampante Termica 300 mm/sec

Inauguriamo la nostra carrellata con un prodotto che reca un marchio di proprietà della compagnia multitasking Shenzhen Global Egrow E-Commerce Co. Ltd, che come si può facilmente evincere ha il proprio quartier generale in Cina. Ma non pensiate, per questo motivo, di trovarvi di fronte al classico prodotto Made in China, fatto di materiali di risulta e dall’affidabilità e dalla durata decisamente discutibili; tutt’altro, in questo caso ci troviamo di fronte a una stampante termica dalle alte prestazioni, che ha il suo principale punto di forza nell’altissima velocità di stampa (300 millimetri al secondo). Interfacce USB ed Ethernet, e porta seriale, just in case.

Infine, l’apparecchio include anche il sistema POS. Insomma, la quintessenza del prodotto elettronico “da trasporto”, utile soprattutto per installazioni provvisorie, stand e fieristica di qualsiasi tipo.

– Excelvan E300

L’azienza Excelvan, fondata in California nel 2003, è – come vedremo nelle righe e nei paragrafi successivi – una delle più attive e specializzate sul mercato delle stampanti termiche, pur producendo diverse tipologie di apparecchi elettronici. Questo apparecchio appartiene alla cosiddetta fascia media, e offre prestazioni di tutto rispetto, anche rispetto a prodotti molto più costosi. Se infatti la velocità massima (90 millimetri al secondo) è sostenuta ma tutt’altro che supersonica, la connettività è totale, grazie a un buon numero di porte di differenti tipologie e alla compatibilità con tutti i sistemi operativi. Altra qualità non trascurabile: la batteria ha una durata davvero considerevole.

– Excelvan E801

Quanto detto a proposito del prodotto dell’azienda californiana sopra menzionato, vale anche per quest’altro apparecchio, solo elevato al cubo.

Qui sì che siamo in presenza di un prodotto di gamma top, per giunta al costo di un prodotto di media pezzatura. Basterebbero i 300 millimetri al secondo di velocità massima raggiungibile per rendersene conto. Ottima connettività, wireless incluso, compatibilità totale con tutti i sistemi operativi (incluso Linux) e supporto barcode.

– Excelvan E58

Questo apparecchio è invece, in tutto e per tutto, un modello economico, con capacità di performance leggermente meno spiccate rispetto ai modelli sopra elencati, ma con le caratteristiche principali di questi ultimi rispettate e riprodotte in maniera pressoché identica. La velocità massima di stampa di 130 millimetri al secondo è un benefit non trascurabile per questo tipo di prodotti. Insomma, sembra quasi un prodotto poco più che usa e getta, ma in realtà garantisce prestazioni durature e affidabili. Per chi ha voglia di non spendere cifre considerevoli per questo tipo di macchine.

– LESHP Mini 58mm

Ennesimo trademark della sempre più vorace Shenzhen Xinmao Electronic Commerce Technology Co.

Ltd (da non confondere, tuttavia, con l’azienda si Shenzhen menzionata qualche riga più su), LESHP propone una serie di prodotti (nella maggior parte dei casi) a basso costo, con una tecnologia evoluta nascosta in materiali abbastanza cheap. Nel caso specifico, ad esempio, il plasticone blu e nero che costituisce la scocca di questo modello di stampanti termiche va considerato alla stregua di uno scrigno capace di conservare al proprio interno una tecnologia di tutto rispetto. Velocità massima di stampa, 90 millimetri al secondo, non dei picchi fantasmagorici; ma l’eccellente – per la fascia di prezzo cui appartiene – connettività e soprattutto l’ottima risoluzione di stampa compensano in maniera ottimale le eventuali aporie performative.

– Zebra iMZ220

Zebra Technologies è un’azienda fondata nel 1969 nell’Illinois, Stati Uniti, e da allora si occupa di produrre stampanti e altre periferiche per dispositivi elettronici; possiede dunque un’esperienza nel settore niente affatto trascurabile. Tale consapevolezza si riflette in maniera estremamente positiva sulla qualità dei prodotti che escono dalle fabbriche Zebra.

Come ad esempio questo apparecchio di fascia alta, che costa un po’ più della media ma offre performance e rendimento di grandissima qualità. Linea ergonomica e alquanto curata, definizione e persistenza della stampa praticamente inarrivabili, logo e codice a barre inclusi nell’intestazione. Chi desidera spendere qualche centinaio di euro in più e ritrovarsi con un prodotto preciso, affidabile e persino elegante, ha trovato il prodotto che fa per lui.

– LESHP Mini 80mm

Torniamo a parlare di LESHP, azienda cinese che sforna prodotti elettronici a getto continuo. Questo prodotto è poco più dell’upgrade di quello della stessa marca che abbiamo presentato poche righe più su. A fare la differenza sono le dimensioni ancora più ridotte, la nitidezza e la persistenza della stampa, la connettività pressoché totale e la lunga durata della batteria. I materiali costitutivi del rivestimento esterno non sono granché, ma con questi marchi bisogna farci l’abitudine, e dunque prestare una grande attenzione al momento dell’utilizzo; il che equivale a dire: evitare di farla cadere, non sottoporre la scocca a urti violenti, fare attenzione a scossoni e vibrazioni prolungate (ad esempio, un trasporto in auto senza una adeguata protezione). In compenso, se si riesce a conservare la macchina in perfetta efficienza, questa ripagherà l’utilizzatore con prestazioni sul campo per nulla trascurabili.

– Celectronic D10

Quella dell’azienda con sede in Germania è una delle poche stampanti termiche che ha scelto il colore bianco per la propria scocca, tonalità poco utilizzata – chissà perché – per questo tipo di prodotti. Si tratta di un prodotto a bassissimo costo; anzi, possiamo affermare che siamo di fronte a una stampante termica talmente economica da rappresentare un affare a prescindere. Per giunta, parliamo comunque di una macchina le cui prestazioni sono più che dignitose, al punto da non sfigurare minimamente di fronte a prodotti ben più cari. Unico svantaggio, la mancanza di connettività wi-fi, surrogata alla bell’e meglio da una porta parallela con adattatore e cavo USB inclusi nella confezione. Un inconveniente superabile ma non per questo trascurabile, dal momento che obbliga ad abbinare la macchina a un computer portatile (o comunque a un dispositivo elettronico) per funzionare. Mentre proprio la candida scocca in plastica dura rappresenta uno degli aspetti più interessanti dell’apparecchio, sia sul piano estetico che dal punto di vista funzionale.

– KKmoon POS-5805DD

Si presenta inizialmente come un POS, ma è pur sempre una stampante termica a tutti gli effetti, questo affarino dalla scocca color nero e blu, prodotta da un trademark dell’azienda Shenzhen Tomtop Technology Co. Ltd (ancora la Cina protagonista, insomma), e messa in commercio a un prezzo medio-basso. Mentre le prestazioni sono medio-alte e tutto sommato più che dignitose, con picchi di qualità che riguardano la risoluzione di stampa e la durata della batteria. Consigliabile soprattutto per la sua resilienza – contrariamente ad altri prodotti della medesima scaturigine, questo appare duraturo e resistente -, per la buona risoluzione di stampa e le dimensioni molto ridotte.

– Bixolon SPP-R300BK

Eccolo un altro prodotto di gamma top, dal prezzo significativamente alto ma dalle prestazioni davvero notevoli, prodotto da un’azienda fondata nel 2002 nella Corea del Sud. Dalla taglia non ridottissima ma dalle forme ergonomiche in grado di adattarsi a superfici di qualsiasi tipo e dimensione, garantisce una altissima risoluzione della stampa e una notevole durata della batteria. Come se non bastasse, questa famiglia di stampanti termiche garantisce una durata nel tempo di gran lunga superiore alla media. Insomma, si tratta di un investimento a lungo termine, ma al tempo stesso portatore di innegabili vantaggi; beninteso, se si ha la pazienza di aspettare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

telefono
Tecnologia

Chi ha inventato il Telefono

24 ottobre 2017 di Notizie

Il telefono è una delle invenzioni più utili del XIX secolo. Chi ha inventato il telefono? Come e quando si è diffuso? I benefici e i rischi