14 gennaio 1900: La prima della Tosca COMMENTA  

14 gennaio 1900: La prima della Tosca COMMENTA  

Dopo quattro anni di lavoro sul libretto di Luigi Illica, inizialmente affidato ad un altro compositore, Alberto Franchetti, Giacomo Puccini era pronto a presentare la sua Tosca al Teatro Costanzi, Il Teatro dell’Opera di Roma.  Reduce dal successo della Bohème, Puccini volle fortemente musicare quest’opera, restandone notevolmente colpito quando la vide messa in scena a Milano.

Dal dramma storico di Victorien Sardou fu tratta un’opera lirica in 3 atti. La vicenda, ambientata nella Roma di inizio Ottocento, ruota intorno alla tormentata storia d’amore tra la cantante Floria Tosca e il pittore Mario Cavaradossi, ostacolata dal perfido Barone Scarpia, capo della polizia pontificia.

Alla prima dell’opera furono presenti molte autorità del governo italiano, tra cui il presidente del Consiglio Pelloux e la regina Margherita di Savoia. La serata fu funestata da un certo nervosismo, causato dall’ingresso in sala in ritardo di alcuni spettatori, cosa che costrinse il direttore d’orchestra Leopoldo Mugnone a interrompere l’esecuzione e ricominciarla dall’inizio.

Per il ruolo di Tosca fu scelta la soprano rumena Hariclea Darclée, tra le più famose dell’epoca; il ruolo di Cavardossi andò invece al tenore Emilio De Marchi.

L'articolo prosegue subito dopo

Inizialmente non fu accolta benissimo dalla stampa, ma in breve tempo tutti i maggiori teatri lirici la misero in cartellone, diventando una delle opere più rappresentate nel mondo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*