20 marzo 1731: Il terremoto di Foggia - Notizie.it

20 marzo 1731: Il terremoto di Foggia

Storia

20 marzo 1731: Il terremoto di Foggia

Era da poco cominciato il giorno di martedì santo quando, alle 5 del mattino, improvvisamente la terra tremò. La scossa di terremoto fu fortissima, classificata al nono grado della scala Mercalli, ed investì una vasta zona della parte meridionale di quella che è l’attuale provincia di Foggia, facendosi sentire fino a Bari. Le città più colpite furono appunto Foggia, Cerignola, Canosa di Puglia, Orta Nova, Ascoli Satriano e Barletta. Cronache del tempo raccontano di case crollate all’istante, acqua che dai pozzi si riversava sulle strade, una fitta coltre di polvere che non permetteva di vedere al di là dei propri passi, con gente che scappava ovunque in cerca di riparo. Sui circa 15000 abitanti che contava la città allora ne morirono subito più di 1000, altri 2-300 perirono nelle campagne o nei giorni successivi. Ci furono poi nelle settimane seguenti nuove scosse di cui una fortissima il 7 maggio. Si narra che due giorni dopo la calamità apparve all’affranta popolazione di Foggia la Madonna dei Sette Veli, profondamente venerata in città.

Da allora ogni 22 marzo nel capoluogo dauno si celebra questa ricorrenza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lampada di Birmingham
Cultura

L’enorme lampada di Birmingham illumina la città

23 ottobre 2017 di Notizie

Quale sarebbe la vostra reazione di fronte a un’enorme lampada da tavolo posizionata in centro alla città? Non è così difficile che vi accada a Birmingham. Sapete perché? Perché Oldenburg si è messo all’opera.