Ryanair tagliati 2000 voli: coinvolta la tratta Bari-Londra

Bari

Ryanair tagliati 2000 voli: coinvolta la tratta Bari-Londra

Ryanair ha annunciato il taglio di 40- 50 voli giornalieri nelle prossime sei settimane, il motivo sarebbe il tentativo di migliorare la puntualità, secondo quanto riferito dalla compagnia aerea irlandese. Potrebbero essere interessati anche i voli dagli aeroporti pugliesi.

Ryanair ha sottolineato che la puntualità è scesa del 10% nelle prime settimane di settembre, le cause sono state individuate in una combinazione di ritardi, scioperi dei controllori di volo, maltempo.

Secondo quanto annunciato, proprio la diminuzione di personale aggravata dalle ferie di piloti ed equipaggio è la causa principale della decisione di tagliare i voli. La diminuzione riguarderà tutti i paesi in cui la compagnia opera .

“Un taglio- è stato spiegato da Ryanair- che riguarderà meno del 2% dei voli programmati”.

La compagnia, scusandosi per i disagi arrecati ai propri clienti, avrebbe già provveduto a inviare e-mail ai passeggeri di voli programmati fino al 20 settembre.

Ryanair sta elencando i tagli previsti sul proprio sito web, per quanto riguarda la Puglia principalmente sono stati soppressi i voli da Brindisi, mentre l’aeroporto di Bari per ora non ha cancellazioni previste.

Già il Bari- Francoforte era stato soppresso lo scorso giovedì.

L’associazione a tutela dei consumatori intanto ricorda che secondo la normativa vigente in Italia: “In caso di cancellazione del volo il passeggero ha diritto alla scelta tra: rimborso del prezzo del biglietto per la parte del viaggio non effettuata; imbarco su un volo alternativo quanto prima possibile in relazione all’operativo della compagnia aerea; imbarco su un volo alternativo in una data successiva più conveniente per il passeggero.

La legge prevede anche un risarcimento monetario che tuttavia viene meno quando il passeggero sia stato informato della cancellazione: con almeno due settimane di preavviso; nel periodo compreso tra due settimane e sette giorni prima della data di partenza e nel caso in cui venga offerto un volo alternativo con partenza non più di due ore prima rispetto all’orario originariamente previsto e con arrivo presso la destinazione finale al massimo quattro ore dopo l’orario originariamente previsto; meno di sette giorni prima e nel caso in cui venga offerto un volo alternativo con partenza non più di un’ora prima dell’orario originariamente previsto e con arrivo presso la destinazione finale al massimo due ore dopo l’orario originariamente previsto”.

Inoltre il presidente del Codacons Carlo Rienzi ha annunciato: “Il Codacons si mette a completa disposizione dei clienti Ryanair che dovessero subire disagi o problemi a causa della decisione della compagnia, ai fini dell’assistenza legale”. La compagnia consiglia di controllare l’e-mail utilizzata per prenotare dove verranno comunicate eventuali modifiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche