21 Dicembre 2012. Come è nata la storia della fine del mondo COMMENTA  

21 Dicembre 2012. Come è nata la storia della fine del mondo COMMENTA  

Il famigerato 21 Dicembre 2012 è alla porte. Tutto è iniziato dai Maya e da una “presunta  profezia” (di un certo José Argüelles) su un calendario che si fermerà proprio in quel giorno. Il calendario Maya è un insieme di sistemi di diversi calendari e cicli: i cicli  Tzolkin e Haab formano i due principali calendari. Il primo aveva  260 giorni, il secondo 365. Il terzo è il Lungo Computo, che prevede lunghi periodi di tempo, è molto complesso e prevede un sistema numerico decimale per registrare le date.

La data del 21 Dicembre 2012 è significativa in quanto (secondo complicati calcoli) risulta come la fine del Ciclo Lungo Computo. Secondo i Maya, ciascun ciclo del Lungo Computo corrisponde ad un’era del mondo e il passaggio da un’era all’altra è segnata  da  eventi più o meno significativi. Il ciclo attualmente in corso, che secondo la mitologia Maya è il quarto, è molto vicino al termine: il nuovo ciclo inizierà il (nostro) 21 dicembre 2012.

Ora, il fatto che il ciclo Maya finirà è stato commisurato al  21 Dicembre 2012, data astrologica del solstizio d’ inverno. Ma a differenza degli altri anni, quest’ anno  il sole verrà ad allinearsi perfettamente al centro della via lattea, vicenda che accade ogni 26.000 anni. Secondo  José Argüelles, che per primo “profetizzò”  l’evento, quel giorno accadrà una catastrofe a causa dell’ allineamento.

Ad oggi, non esiste nessuno prova scientifica che attesti  “una fine del mondo” nè tantomeno una data certa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*