21 giugno 1280: Torino diventa sabauda COMMENTA  

21 giugno 1280: Torino diventa sabauda COMMENTA  

Mentre era diretto verso la Castiglia con l’intenzione di chiedere rinforzi all’alleato Alfonso X per sedare la ribellione dei comuni di Asti e Alessandria alla sua signoria, e per la quale si era mosso da Milano di cui era diventato da poco il Capitano, il Marchese del Monferrato Guglielmo VII venne fatto prigioniero dalle truppe di Tommaso III di Savoia, detto Tommasino, avversario del marchese nello scacchiere piemontese.

La sua cattura significò la fine delle speranze di Guglielmo di far diventare il suo casato la potenza egemone del Piemonte, dopo aver esteso negli ultimi anni la sua influenza fino alla Lombardia orientale.

Ciò fu sancito con la cessione dell’importantissima, per via dei suoi ponti sul Po, Torino ai Savoia in cambio della liberazione. Da questo momento il destino della città e del casato sabaudo saranno uniti indissolubilmente.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*