TG1, MINZOLINI SARÁ SOSTITUITO COMMENTA  

TG1, MINZOLINI SARÁ SOSTITUITO COMMENTA  

Il posto di Augusto Minzolini alla direzione del Tg1 sarà preso dall’attuale direttore del Tgr Alberto Maccari, proposto al Cda dalla Dg Lorenza Lei per ricoprire il ruolo ad interim fino al 31 gennaio 2012, giorno in cui Maccari andrà in pensione.


Prima di proporre questo cambio di guardia, la Lei proporrà il trasferimento di Minzolini ad un altro incarico equivalente -che sarà definito nell’arco di 40 giorni-, a cusa del rinvio a giudizio per la faccenda delle carte di credito aziendali.


Nino Rizzo, Consigliere d’amministrazione della Rai, ha così commentato:

“(questa soluzione) se da un lato  lato recepisce positivamente l’obbligo di legge di trasferire un dipendente rinviato a giudizio per peculato dall’altro non garantisce alla più importante testata televisiva italiana una direzione stabile e di conseguenza indipendente e autorevole. L’individuazione di un interim per oltre 40 giorni, peraltro attraverso la violazione della normativa Rai che vieta la proroga in servizio dei dipendenti che hanno maturato il pensionamento, contraddice qualsiasi principio di buona amministrazione aziendale e rischia di essere una confessione di impotenza. Se così fosse invito il consiglio di amministrazione e il direttore generale a prenderne responsabilmente atto”.

Della stessa idea è il deputato Pd Luigi Zanda, il quale sostiene inoltre che la necessità impellente sia quella di salvaguardare “la sopravvivenza industriale della Rai”. Fondamentale, per Zanda,  è anche ripristinare la credibilità del Tg1 che sotto la direzione di Minzolini è spesso venuta a mancare secondo l’opinione dei più.


Per il deputato IdV Felice Belisario, Lorenza Lei non si è mossa nella direzione della ricerca di una rinnovata indipendenza e del recupero del pluralismo perso negli ultimi anni, poiché Alberto Maccari è da sempre in quota PdL: si starebbe cercando, quindi, di preservare un ben preciso orientamento politico all’interno del telegiornale di Rai1.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*