24 gennaio 1972: L’ultimo giapponese in guerra

Quando, mentre erano intenti a sistemare trappole per gamberi lungo il fiume, Jesus Dueñas e Manuel De Gracia videro sbucare quello strano personaggio dalla giungla lo scambiarono per un abitante del vicino villaggio di Talofofo, per poi ricredersi alla sua esagerata reazione alla vista di loro due.

Leggi anche: Alberto Angela: speciale sulle bellezze di Firenze

Dopo una breve colluttazione riuscirono a bloccarlo e trascinarlo fuori dalla giungla. Si trattava del soldato giapponese Yokoi Shoichi che nel febbraio del 1943 fu inviato lì, sull’Isola di Guam, al seguito del 38° Reggimento.

Leggi anche: Alla ricerca dei fantasmi per le strade di Milano

Quando questa nel 1944 fu conquistata dagli americani,  lui, insieme ad altri due suoi commilitoni fedeli all’ordine imperiale di non arrendersi mai, si nascosero nella foresta dell’isola per evitare di essere presi prigionieri.

Da allora vissero tagliati fuori dal mondo, in rifugi scavati tra la vegetazione, sopravvivendo con quello che offriva la natura e fabbricandosi gli abiti con fibra vegetale.

L'articolo prosegue subito dopo

Gli altri due morirono 8 anni prima del ritrovamento di Shoichi che fu accolto in patria come un eroe. Quando seppe dell’esito della guerra infausto al Giappone dichiarò di provare vergogna nell’essere ritornato vivo. Negli anni successivi girò il paese tenendo corsi di sopravvivenza e conferenze sulla sua esperienza. Si spense nel 1997 nel suo paese natio, Saori.

Leggi anche

1-renzo-mongiardino_casa-setton_parigi_ph-massimo-listri-651x514
Cultura

A Milano, “Omaggio a Renzo Mongiardino ( 1916-1998). Architetto e scenografo”

Fino al prossimo 11 Dicembre 2016 a Milano presso il Castello Sforzesco si svolge la mostra dal titolo: "Omaggio a Renzo Mongiardino ( 1916-1998). Architetto e scenografo". La mostra è organizzata grazie al prezioso contributo del Comune di Milano (Direzione Centrale Cultura – Soprintendenza Castello / Musei Archeologici e Musei Storici) ed è curata Tommaso Tovaglieri, con la consulenza di Francesca Simone, nipote dell’architetto. Si tratta di una mostra dedicata all' architetto d’interni tra i più celebri del secondo Novecento.  In mostra possiamo sicuramente ammirare disegni, bozzetti, maquettes e fotografie. La mostra è suddivisa in sette sezioni, dove è possibile approfondire  l’intera carriera Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*