29 gennaio 1886: Inizia l’era dell’automobile

Storia

29 gennaio 1886: Inizia l’era dell’automobile

Con la deposizione del brevetto n° 37435 all’Ufficio brevetti dell’Impero Germanico, l’ingegnere tedesco Karl Benz registrava l’invenzione a cui aveva lavorato in quegli ultimi anni, un velocipede a tre ruote, che rappresentava il primo veicolo ad usare un motore a scoppio per muoversi. La sua struttura, composta da un carburatore, un sistema di accensione elettrica, un sistema di raffreddamento ad acqua, un sistema di sterzatura (semplificato con l’espediente di una sola ruota anteriore, in quanto nelle idee di Benz il veicolo doveva avere quattro ruote, ma non riuscì a sviluppare un adeguato sistema di sterzo per le due ruote) e un telaio tubolare, saranno la base di ogni autovettura per tutto il secolo successivo. Il motore, montato posteriormente, era a quattro tempi e sviluppava una potenza, oggigiorno ridicola ma all’epoca abbastanza notevole di ¾ CV, funzionante con del particolare petrolio raffinato che dal nome dell’ingegnere prese il nome di benzina. La Patent Motorwagen, questo era il nome che venne dato al mezzo, venne presentato al pubblico il 3 luglio successivo, compiendo un giro per le strade di Mannheim, dove risiedeva la fabbrica di Benz.

L’accoglienza non fu entusiastica, anzi, in molti non videro un futuro in questa novità. Si sbagliarono…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...