Il 29 novembre 2010 ci lasciava Mario Monicelli COMMENTA  

Il 29 novembre 2010 ci lasciava Mario Monicelli COMMENTA  

Lunedì 29 novembre 2010 a Roma dava il proprio addio alla vita Mario Monicelli, uno dei più importanti registi italiani ed uno dei maestri della nostra commedia. Era nato proprio nella Capitale il 16 maggio 1915.

Leggi anche: 29 novembre: 30 anni fa ci lasciava Cary Grant


Iniziò come critico cinematografico, aiuto regista e sceneggiatore, poi, nel 1949, ecco il debutto con Totò cerca casa. Il “principe della risata” recitò anche nel primo capolavoro di Monicelli, I soliti ignoti (1958), ispirato alla novella Furto in una pasticceria, contenuta nell’antologia Ultimo viene il corvo di Italo Calvino. Il film ottenne due Nastri d’argento al Festival del Cinema di Cannes e una candidatura agli Oscar nel 1959 come miglior film straniero. Monicelli avrebbe ottenuto altre sei volte la nomination, ma con pietre miliari del cinema italiano: La grande guerra – che si aggiudicò il Leone d’oro al Festival del Cinema di Venezia nel 1959 -; L’armata Brancaleone (1966) con Vittorio Gassman, Gian Maria Volontè, Catherine Spaak ed Enrico Maria Salerno – tre Nastri d’argento –,  seguito dal film di minor successo Brancaleone alle crociate (1967); Il marchese del Grillo (1981) con Alberto Sordi e Paolo Stoppa. Innumerevoli i premi di quest’ultimo film, tra cui otto David di Donatello e tre Orsi d’argento al Festival di Berlino.


Tra gli altri successi, come dimenticare poi Amici miei (1975), una progetto “ereditato” da Pietro Germi – scomparso nel 1974 – e  forse il lavoro più rappresentativo di Monicelli, che firmò  la regia dei primi due capitoli della saga comica? Nel cast Ugo Tognazzi, Philip Noiret, Adolfo Celi e Milena Vukotic. Tra i numerosi riconoscimenti vinti da Amici miei, i David di Donatello allo stesso regista e ad Ugo Tognazzi come migliore attore protagonista, tre Nastri d’argento, quattro nomination ed un Globo d’oro.


A Monicelli venne tributato il Leone d’oro alla carriera nel 1991 e nel 2006 il regista girò il suo ultimo film, Le rose del deserto, con Michele Placido, Giorgio Pasotti, Alessandro Haber e Moran Atias.

Leggi anche

parigi-uomo-armato
Esteri

Uomo armato prende 7 persone in ostaggio, paura a Parigi

Paura a Parigi dove un uomo armato è entrato in un'agenzia di viaggi prendendo sette persone in ostaggio. E' quanto riportato dall'Afp, citando fonti della polizia e riportato sul web e sui social network: è accaduto poco fa nell'agenzia viaggi Asieland, nella zona del boulevard Massena, nel 13° arrondissement. Ci troviamo nella zona sud di PArigi, a poca distanza dalla porta d'Italia, come confermato su Twitter dalla polizia. Al momento nulla si sa in merito alle ragioni del gesto ma pare che l'uomo sia già stato autore di una rapina in passato. Avrebbe fatto irruzione nell'agenzia viaggi verso le 18.30 Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*