29 novembre: 30 anni fa ci lasciava Cary Grant COMMENTA  

29 novembre: 30 anni fa ci lasciava Cary Grant COMMENTA  

Trent’anni fa esatti, il 29 novembre del 1986, moriva a Davenport (Iowa), dove quella sera avrebbe dovuto partecipare ad uno spettacolo, Cary Grant, uno dei principali divi dell’ Età d’Oro di Hollyood e per chi non lo sapesse anche colui che ispirò l’autore di James Bond, Ian Fleming, per il suo personaggio.

Leggi anche: Il 29 novembre 2010 ci lasciava Mario Monicelli


Icona di classe, fascino e simpatia del cinema americano ed internazionale, Grant nacque a Bristol, città a sud-ovest dell’Inghilterra, il 18 gennaio 1904 con il nome di Archibald Alexander Leach – Archie Leach si chiamerà il personaggio interpretato da John Clease nel film Un pesce di nome Wanda –.

Tra i successi di Cary Grant ricordiamo: Venere Bionda (1932) con Marlene Dietrich; Scandalo a Filadelfia (1940) con Katharine Hepburn e James Stewart; l’esilarante commedia horror di Frank Capra Arsenico e Vecchi Merletti (1944); il film noir di Alfred Hitchcock  Notorius – L’amante perduta (1946) con Ingrid Bergman; Il magnifico scherzo (1952) con Marilyn Monroe; Caccia al Ladro (1956), sempre di Hitchcock, con Grace Kelly; Un amore splendido (1957) con Deborah Kerr; Intrigo nazionale (1960), in cui recitò nuovamente diretto dal “maestro del brivido” – il quale definì il connazionale il suo “attore preferito in assoluto” –, e Sciarada (1963) con Audrey Hepburn e Walter Matthau.


Per Intrigo Internazionale Cary Grant vinse il David di Donatello come “miglior attore”, due nomination agli Oscar come miglior attore protagonista in Ho sognato un angelo (1942) e come non protagonista ne Il ribelle (1945), nonché numerose nomination al Golden Globe e un Oscar alla carriera nel 1970.


Si spense a 82 anni a causa di un emorragia interna alle 23.22 del 29 novembre 1986 in ospedale, in cui in principio non aveva voluto recarsi dopo un malore che l’aveva colpito ma che gli sembrava di poco conto: l’attore non aveva voluto farsi ricoverare per non suscitare clamore.

L'articolo prosegue subito dopo

Secondo le sue volontà, non vi furono funerali pubblici e il suo corpo fu cremato.

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*