3%: trama serie COMMENTA  

3%: trama serie COMMENTA  

3%
Su Netflix prende il via 3%, la prima serie TV brasiliana ospitata sul popolare network di streaming video.

Nel futuro una piccola percentuale di umani può accedere al benessere, ed è disposta a tutto per arrivarvi. È 3%, prima serie brasiliana targata Netflix.

Prima serie prodotta da Netflix in Brasile, e seconda in assoluto con impresso il marchio del network statunitense dello streaming video nell’America Latina – dopo la popolare serie messicana Club de Cuervos -, 3% è un thriller distopico su cui i fan del genere e la stessa compagnia responsabile del broadcasting ripongono moltissime aspettative. L’intero pacchetto degli otto episodi che compongono la prima stagione è disponibile da ieri sulla piattaforma Netflix, e sarà proprio l’entità del consenso di pubblico a stabilire se ne sarà messa in cantiere una seconda. Logico, dunque, che i riscontri di questi primi giorni risulteranno decisivi per il futuro della serie.

L’origine di 3% è alquanto curiosa, ma al tempo stesso rappresenta una modalità sempre più consolidata nelle pratiche di produzione audiovisiva degli ultimi anni. La “matrice” della serie è infatti una omonima web series creata da Pedro Aguilera, il cui episodio pilota venne pubblicato nel 2011 su Youtube. 3% è, dunque, a tutti gli effetti, un reboot, un po’ come il film cult District 9 di Neill Blongkamp è senza ombra di dubbio il reboot di Alive in Joburg, cortometraggio dello stesso autore. Pare insomma che la web series sia piaciuta così tanto ai dirigenti Netflix da commissionare a Pedro Aguilera lo sviluppo del medesimo concept con un budget più ampio e implicazioni narrative più complesse. Il risultato è una serie ad alto budget che si avvale di professionalità di indubbio profilo: è il caso di César Charlone, direttore della fotografia e regista uruguaiano, responsabile delle luci di titoli come City Of God, The Constant Gardener e Blindness di Fernando Meirelles , Man on Fire di Tony Scott e Sucker Free City di Spike Lee. Per 3%, Charlone ha curato la regia, affiancato da Daina Giannecchini, Dani Libardi e Jotagá Crema. Anche il cast è di alto livello: ai popolari divi del cinema brasiliano Bianca Comparato e João Miguel, la produzione ha affiancato l’emergente Mel Fronckowiak, attrice resa celebre dalla soap opera Rebelde.

Come nella migliore tradizione della fantascienza distopica, 3% dipinge un futuro dai toni foschi e plumbei, e una Terra abitata da un’umanità sul ciglio dell’Apocalisse.

Aguilera ha immaginato una realtà divisa in due: da una parte il progresso e il benessere, dall’altra miseria, abbandono e inedia. Solo il tre per cento della popolazione ha la possibilità di passare dall’altra parte, e molti sono disposti a tutto pur di guadagnare questo Eden postmoderno.

L'articolo prosegue subito dopo

Con tutte le conseguenze che gli spettatori che possono vantare una certa dimestichezza con il genere possono immaginare.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*