3000 esperti da tutto il mondo riuniti per soluzioni sostenibili COMMENTA  

3000 esperti da tutto il mondo riuniti per soluzioni sostenibili COMMENTA  

Sono in 3.000 gli esperti, provenienti da tutto il mondo, riuniti a Londra che da ieri l’altro fino a venerdi’ 29 marzo discuteranno dello stato della Terra.

‘Planet under pressure’, serve per proporre soluzioni di sostenibilita’, per ”abbattere il muro del progresso”, un progetto da portare alla Conferenza Rio+20 di giugno.



 ”Il tempo sta finire” per agire contro i cambiamenti climatici.



”Negli ultimi 50 anni – dice Will Steffen, dell’Australian national university – hanno visto senza dubbio una delle trasformazioni piu’ rapide del rapporto umano con il mondo naturale, con una forte accelerazione verso la fine del secolo”.

 I principali indicatori dello stato del Pianeta sono gli alti livelli di CO2 in atmosfera, l’estrazione del fosforo e la produzione di fertilizzanti, l’aumento della temperatura, lo scioglimento dei ghiacci polari e del permafrost, l’innalzamento del livello dei mari e l’acidificazione degli oceani, la perdita di biodiversita’. 

Ci sono pero’ dei segnali che ”alcuni fattori di cambiamento globale stanno rallentando”, secondo Diana Liverman, direttore dell’Istituto per l’ambiente all’universita’ dell’Arizona, come per esempio ”la crescita della popolazione”, e anche l’intensita’ di energia e di carbonio e’ in declino, l’agricoltura intensiva sta rallentando e le foreste stanno iniziando a espandersi in alcune regioni.

Tuttavia gli impatti sull’ecosistema sono addebitabili soprattutto agli uomini, tanto che la nuova era geologica potrebbe esser definita ‘antropocene’. 

Leggi anche

About Chiara Cichero 1241 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*