31 maggio 1916: La battaglia dello Jutland COMMENTA  

31 maggio 1916: La battaglia dello Jutland COMMENTA  

La Germania, decisa a forzare il blocco navale che da più di un anno le era stato inflitto, si risolse a sfidare la flotta inglese, la più grande potenza marittima di allora.

Lo scontro avvenne quasi casualmente al largo dello Jutland, nel braccio di mare che separava la Danimarca dalla Norvegia. Ambedue gli schieramenti contavano su un gran numero di navi da battaglia: 149 tra cacciatorpediniere ed incrociatori nella flotta guidata dagli ammiragli britannici John Jellicoe e David Beatty e 99 in quella tedesca degli ammiragli Franz Ritter von Hipper e Reinhard Scheer.

Lo scontro fu violentissimo e si protrasse per due giorni. Nonostante la superiorità numerica gli inglesi persero il doppio delle navi rispetto ai tedeschi che però furono ugualmente costretti a ritirarsi per gli ingenti danni subiti, lasciando al nemico il controllo del mare.

Fu la più grande battaglia navale della Prima Guerra Mondiale e l’ultima di un’epoca; da lì a qualche anno le grandi portaerei corazzate si sarebbero prese il ruolo di regine dei mari.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*