44 artisti si regalano per salvare la “memoria della Resistenza” COMMENTA  

44 artisti si regalano per salvare la “memoria della Resistenza” COMMENTA  

Succederà a Torino, dal 21 febbraio al 28 dello stesso mese, nella sede della Bolaffi a Torino.

In seguito ai tagli del Governo  e della Regione il Museo Diffuso della Resistenza e l’Istituto Storico della Resistenza di Torino rischiano la chiusura.

Leggi anche: Capodanno in piazza: ecco i più grandi eventi della notte di San Silvestro


44 artisti, tra cui Ernesto Treccani, Francesco Casorati, Nino Aimone, Mauro Chessa, Giacomo Soffiantino e Riccardo Cordero, esporranno e metteranno all’asta alcune delle loro opere.

Leggi anche: Meteo: a dicembre temperature di 2,5 gradi sopra la media, è allarme smog


Un’occasione per incontrare gli artisti, comprare le loro opere e compiere una buona azione. Che il lettore sia una persona che apprezza il ricordo di questo fenomeno storico o sia uno che lo disprezzi, dovrà convenire con noi che bisogna perpetrarne la memoria.

Leggi anche

martello
Torino

Tragedia a Torino: uccide la moglie con un martello prima di impiccarsi

Un uomo di 69 anni ha ucciso la moglie 72enne con un martello, poi si è suicidato. All'origine del gesto, un debito contratto all'insaputa della famiglia. Un cruento omicidio-suicidio scaturito da un dramma della povertà: è quanto avvenuto, con ogni probabilità nella notte tra il 20 e il 21 ottobre, a Torino, nel quartiere Santa Rita. Le vittime sono Natalina Montanaro, 72 anni, e Francesco Tonda, 69, che vivevano da soli in un appartamento in Corso Orbassano 376: a scoprire i cadaveri, nelle prime ore della mattinata, il figlio della coppia, allarmato da alcuni SMS inviatigli dal padre. È stato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*