Ibrahimovic contro Verratti: ti massacro di botte

Calcio

Ibrahimovic contro Verratti: ti massacro di botte

Italia e Svezia nello stesso girone, ai prossimi Europei, e sarà una sfida di quelle davvero interessanti, perché gli scandinavi sono un’ottima squadra e, soprattutto, là davanti, hanno un gigante che si chiama Zlatan Ibrahimovic.

Non è però un gigante di quelli buoni, per nulla. Non lo è mai stato e non lo sarà mai, e la simpatia non è certo stata il suo forte. Lui si fa amare a suon di gol, ha sempre fatto così e così sta facendo anche a Parigi, dove, da qualche anno, gioca con la maglia del Psg. E’ la super formazione francese è anche il luogo dove Italia e Svezia si incontrano tutti i giorni, la prima nella figura, ad esempio, del talentuoso centrocampista Marco Verratti, la seconda, ovvio, in quella, molto più grossa, del cattivissimo Zlatan.

E che sia cattivissimo lo ha confermato lo stesso Verratti, che ha raccontato di cosa si sono detti lui e Zlatan dopo aver saputo dei sorteggi.

“Cosa mi ha detto Zlatan? Mi ha detto che mi massacra di botte. Mi ha dato questa bella informazione per la sfida contro la Svezia, ma ho sei mesi per prevenirle”. Il tono è scherzoso da entrambe le parti, perché, quando si condivide lo spogliatoio, la confidenza cresce e ci si può permettere di certo qualche battuta in più. Verratti non si scompone e non si impaurisce, lui che ha appena vinto il premio come miglior straniero della Ligue 1: “E’ un premio che fa piacere, vuol dire che sto facendo bene e che devo continuare così. Ma non mi sono mai molto interessato dei premi individuali perché comunque sono da vincere quelli di squadra, però sicuramente sono cose che fanno piacere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche