Berlusconi boccia Brunetta e promuove la Carfagna come nuovo capogruppo di FI COMMENTA  

Berlusconi boccia Brunetta e promuove la Carfagna come nuovo capogruppo di FI COMMENTA  

Silvio Berlusconi ha liquidato il capogruppo alla Camera, Renato Brunetta, preferendogli Mara Carfagna, durante il pranzo svoltosi giovedi a Palazzo Grazioli. L’ex premier, prendendo atto dai sondaggi che il partito è ormai in piena crisi, avrebbe deciso il cambio della guardia alla guida del partito, per dare una scossa al proprio elettorato che ormai pare essersi disaffezionato.


Mara, il gruppo ci sta sfuggendo di mano, per la guida avrei pensato a te al posto di Renato Brunetta, che ne pensi?‘, con queste parole Berlusconi avrebbe incensato il nuovo capogruppo in Parlamento e archiviato l’esperienza Brunetta. Berlusconi non avrebbe gradito il conflitto attuale tra Paolo Romani e Renato Brunetta, che in diverse interviste si sono dichiarati guerra dando di Forza Italia, l’immagine di un partito spaccato in due.


Una situazione che rischia di fare perdere nuovi pezzi al partito fondato dal Cavaliere, per questo Berlusconi starebbe cercando nuove strategie per rilanciare l’immagine del partito e ridare compattezza. Mentre sembra che FI possa perdere altri deputati nelle prossime ore, stando ai rumors giornalistici che vorrebbero esponenti di spicco come Renata Polverini ed Enrico Piccinelli ormai in procinto di emigrare verso Ala, il nuovo movimento fondato da Verdini.


La situazione non è piu gestibile – ha esclamato Berlusconi durante il pranzo di Palazzo Grazioli –  non posso sopportare che quei due litighino ogni giorno sui giornali e poi Renato ha più di mezzo gruppo contro, tutti vengono a lamentarsi‘. Cosi ha chiesto la disponibilità a Mara Carfagna affinchè dia vita ad un nuovo corso che possa ricompattare un gruppo che ormai appare scollacciato.

L'articolo prosegue subito dopo


Ovviamente, la Carfagna, avrebbe accettato con entusiasmo il nuovo incarico, anche se non sarà per niente facile serrare le fila di un partito che ormai sembra avere smarrito la propria identità. Alla Carfagna adesso è delegato il compito di ricostruire il principale partito del centro destra.

 

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*