Uno studio rivela che il Das era ricco di fibre di amianto COMMENTA  

Uno studio rivela che il Das era ricco di fibre di amianto COMMENTA  

Il Das, la famosa plastichina molto in voga negli anni ’70 e ’80, per costruire pupazzetti e figure di ogni genere nelle scuole materne, era ricca di fibre di amianto. A rivelarlo è uno studio condotto da ricercatori italiani, che ha evidenziato come il famoso materiale contesse fibre di amianto, e che per lungo tempo è stato a contatto di bambini, insegnanti e artigiani, ignari del pericolo derivante dall’inalazione dello stesso prodotto.


I dettagli di questo studio sono stati diffusi dallo Scandinavian Journal of Work Environment and Health, e riguarda nello specifico la pasta utilizzata nelle scuole materne, denominata Das e prodotta dall’Adica Pongo che aveva sede a Lasta a Signa in provincia di Firenze, nel periodo che va dal 1963 al 1975. L’azienda che produsse e diffuse il Das, chiuse i battenti nel 1993, e proprio l’aiuto degli ex dipendenti della stessa ditta è stato determinante per far luce su quanto accaduto in passato. Grazie alla loro collaborazione, è stato possibile reperire le fatture che hanno certificato l’acquisto di amianto per realizzare il Das, che adesso sono state depositate nell’archivio di Stato di Torino.


L’amianto venne acquistato dalla Amiantifera di Balangero, una azienda italiana produttrice di amianto, con sede a Milano, che chiuse i battenti nel 1990, e fondata nel 1951 da Rinaldo Colombo. Si stima che in 13 anni, in tutto il mondo, siano state vendute circa 55 milioni di confezioni di Das, i cui utilizzatori finali, nella maggior parte dei casi, erano bambini delle scuole materne ed elementari.


Olanda, Germania, Inghilterra e Norvegia, sono tra i paesi europei che hanno consumato Das in maggior misura. Nei primi tre anni in cui il prodotto si diffuse, venne venduto in polvere da miscelare con acqua e solo successivamente venne venduto già in pasta miscelata e pronta per essere utilizzata. Solo nell’anno 1976, la cellulosa prese il posto dell’amianto nella realizzazione della pasta.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*