Omeopatia in pediatria: si è aperto il congresso di Praga

Salute

Omeopatia in pediatria: si è aperto il congresso di Praga

Valérie Poinsot, direttore generale dei laboratori Boiron, azienda leader nella produzione di farmaci omeopatici, ha attaccato duramente la medicina ufficiale, che spesso banalizza gli effetti dei farmaci omeopatici: ‘Quando un antibiotico non ha gli effetti voluti, si cambia. Ma quando non funziona un farmaco omeopatico si dice che non funziona l’omeopatia tout court‘. Con questa riflessione, il direttore, ha aperto il congresso di Praga, organizzato dal Cedh, la più importante scuola di omeopatia a livello mondiale, dedicato proprio all’uso dei medicinali omeopatici in pediatria. Nella capitale ceca sono giunti oltre quattrocento medici arrivati da sedici paesi per discutere di diagnosi e scelta della terapia nei bambini.

Secondo Antoine Demonceaux, direttore Cedh, sarebbero le ‘ patologie otorinolaringoiatriche e delle vie respiratorie, come otiti, bronchiti e bronchioliti, i disturbi del comportamento e l’oncologia, con trattamenti che leniscono gli effetti collaterali della chemio‘ le principali indicazioni per trattare alcuni disturbi pediatrici proprio con i farmaci omeopatici.

Il professore di pediatria alla Sapienza di Roma e vicepresidente Siomi – Francesco Macrì – nel suo intervento, ha voluto stigmatizzare il fatto che in Gran Bretagna il servizio sanitario nazionale ha pensato bene di rimborsare le spese per i farmaci omeopatici, mentre ancora in Italia la strada è lunga: ‘Una decisione che mi stupisce ma che capisco – premette Francesco Macrì, professore di pediatria alla Sapienza di Roma e vicepresidente Siomi – in tempi di crisi non si investe in settori che non riescono a dare prove di efficacia.

Ma è un cane che si morde la coda, perché gli studi clinici dovrebbero essere svolti in strutture pubbliche, dove ci sono grandi difficoltà, a partire dai comitati etici che difficilmente danno il nullaosta. Se si dovesse poi superare questa difficoltà c’è il problema della pubblicazione, poiché le grandi riviste tendono a rifiutare lavori scientifici sull’omeopatia‘.
L’omeopatia, spesso, ha dato risultati importanti, come ha dimostrato il medico statunitense Dumont, che ha in cura circa tremila bambini autistici, proprio con i farmaci omeopatici.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

hand-351277_960_720
Salute

Come combattere le rughe con rimedi naturali

27 luglio 2017 di Maura Lugano

Sono le nemiche numero uno di ogni donna di ogni età, sono le rughe, le tanto odiate rughe, segno del tempo che passa, testimoni di una bellezza che di giorno in giorno cambia e si evolve. Le rughe, tra l’altro, iniziano ad essere il cruccio degli uomini, sempre più interessati al loro aspetto, e che talvolta attingono direttamente dalle donne i consigli per prendersi cura di sé, anche dei propri segni del tempo che passa.
La grande attrice Anna Magnani implorava i truccatori che non le coprissero nemmeno una delle rughe del viso, per lei esse erano simbolo delle esperienze belle e brutte della vita, ma oggi giorno si inizia presto a prendersi cura di questo problema, ogni donna ci tiene ad avere un aspetto giovane che le dia sicurezza, compiacimento e che susciti ammirazione.
Tante donne, soprattutto quelle che per varie ragioni vedono sul proprio viso apparire segni marcati di invecchiamento, desiderano un viso più piacevole, ma non vogliono ricorrere alla siringa o al bisturi, oppure non ne hanno la possibilità. Sono sempre più numerose quelle che cercano delle soluzioni naturali e dei prodotti naturali, in questa loro ricerca sicuramente possono trovare un aiuto e anche una soluzione.