Regione Lombardia, scandalo nella sanità: eseguiti 21 arresti

Cronaca

Regione Lombardia, scandalo nella sanità: eseguiti 21 arresti

A distanza di quattro mesi dall’arresto del vicepresidente della Regione, Mario Mantovani, si affaccia un nuovo scandalo nella sanità della Regione Lombardia con 21 arresti eseguiti dai carabinieri di Milano e l’opposizione che adesso chiede a Maroni di farsi da parte, dopo l’ennesimo scandalo che ha travolto la sua amministrazione. E’ già pronta la mozione di sfiducia firmata da Pd, Patto Civico e M5s per mandare a casa il presidente della Regione Lombardia. Nell’ondata di arresti, in manette è finito Fabio Rizzi, 49 anni, ex senatore, plenipotenziario di Maroni e ‘padre’ della Riforma della sanità lombarda , mentre altri membri del suo staff come Mario Longo sono stati coinvolti nella retata,insieme ad altri funzionari pubblici che avrebbero favorito sempre e soltanto l‘Odontoquality dell’imprenditrice Maria Paola Canegrati, gruppo specializzato in servizi e forniture dentistiche.

Secondo i magistrati milanesi la gestione degli ambulatori odontoiatrici era “organizzata con modalità tali da favorire il ricorso, da parte del privato cittadino, alle prestazioni in regime di solvenza”. A tradire la Canegrati è stata una intercettazione eloquente, dove la stessa imprenditrice ha chiarito i contorni della vicenda: “Sposteremo la maggior parte dell’attività sulla solvenza e faremo delle liste d’attesa tra virgolette…

che accedono in ’28SAN’ (il regime a carico del servizio sanitario nazionale, ndr) alle calende greche”. Il gip ha chiarito che era stato predisposto uno strumento chiaramente truffaldino che induce il paziente a ricorrere alla prestazione a pagamento, inducendo ‘la convinzione che il costo del ticket sanitario sarebbe di poco inferiore’.

Il gip Giovanna Corbetta nella sua ordinanza ha specificato come Rizzi si è servito del ‘potere politico come strumento per accumulare ricchezze, non esitando a strumentalizzare le idee del partito che rappresentano’. Il gip nell’ordinanza ha rincarato la dose, evidenziando “La sfrontatezza e la facilità che tutti gli indagati svolgenti una pubblica funzione dimostrano nel violare costantemente i loro doveri istituzionali e le norme dello Stato – annota ancora il gip – portano ragionevolmente a ritenere che lo spaccato di illegalità che traspare dalla presente indagine costituisca per tutti l’abituale modo di gestire la ‘res publica’, totalmente svilita in ragione del proprio personale rendiconto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche