Crisi di coppia: ecco come capire se il rapporto è destinato al divorzio COMMENTA  

Crisi di coppia: ecco come capire se il rapporto è destinato al divorzio COMMENTA  

Ci sono alcuni segnali d’allarme sull’andamento del proprio rapporto di coppia che non andrebbero mai trascurati. Se rientrate a casa dal lavoro, e pensate di salutare il vostro partner amichevolmente con un banale ‘Come stai’? Com’è è andata oggi?’ma appena varcate la soglia di casa iniziate a litigare per un banale problema, non dovete preoccuparvi affatto: ritrovarsi in situazioni del genere è assolutamente normale.


A raccontarlo a ‘Business Insider’ è John Gottman, uno psicologo della University of Washington e fondatore del Gottman Institute, secondo il quale è ciò che succede dopo la discussione che dovrebbe preoccuparvi.


Prendere di mira il vostro partner perchè ha dimenticato di comprare il pane, e pensare che lo ha fatto di proposito per creare disagio può invece essere un segnale di vero e proprio disprezzo e questo mix letale di disgusto e rabbia potrebbe mettere in serio pericolo la vostra relazione.


Il disprezzo, spiega Gottman, è davvero più tossico di una semplice frustrazione o negatività perché fa apparire il vostro partner inferiore. In uno studio condotto con un altro psicologo Robert Levenson, psicologo dell’Università di Berkley, Gottman ha compreso che il disprezzo è un sentimento negativo cosi marcato che potrebbe essere utilizzato per prevedere, con il 93% di esattezza, se una coppia è destinata a divorziare.

L'articolo prosegue subito dopo


“Il disprezzo – dichiara Gottman – è il bacio della morte per una coppia”. In uno studio pubblicato nel 2002, e durato 14 anni, lo psicologo ha evidenziato che durante questo periodo 21 coppie statunitensi su 79 che provavano disprezzo l’uno per l’altro, sono giunti alla richiesta di divorzio. Una ricerca amcpra più recente, che è stata condotta su 373 neo sposi, ha dimostrato che le coppie che si mostravano disprezzo già nel primo anno di matrimonio, sono addirittura destinate a divorziare entro 16 anni.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*