50-esimo anniversario della Porsche 911 COMMENTA  

50-esimo anniversario della Porsche 911 COMMENTA  

Cinquanta anni fa la prima Porsche 911 ha calpestato le strade. Il suo predecessore, il 356, aveva già stabilitocome il marchio Porsche creasse vetture sportive superiori, ma è stata la 911 che ha spinto l’azienda al grado superiore dei costruttori di automobili sportive. Oggi, dopo 50 anni, le Porsche 911 sono ancora considerate dai guidatori affidabili, anche quando sono spinte ai loro limiti – proprio come Ferdinand Porsche aveva immaginato. Ecco alcune delle modifiche che la 911 ha subito dalla sua nascita fino al giorno delle sue nozze d’argento, pur mantenendo le tradizioni del suo passato.


L’evoluzione della Porsche 911

Introdotta al Motor Show di Francoforte nel 1963, la Porsche 911 originale aveva una velocità massima di 131 mph e 130 cavalli di potenza, era solo un’anteprima di quello che sarebbe diventata una delle più riuscite auto sportive di tutti i tempi. Per rompere la configurazione sportiva classica, Porsche ha progettato la 911 con un motore posteriore, raffreddato ad aria e la tecnologia meccanica più all’avanguardia, è più fluida e fresca rispetto alle sue rivali. Anche se nel corso degli anni sono stati apportati molti miglioramenti alle prestazioni della 911, così come  sono state molte le concessioni al comfort per i guidatori, Porsche fondamentalmente è rimasta fedele al suo concetto originale. L’auto è un equilibrio di praticità e agilità, e ancora oggi, la sua configurazione con retro-motore e la silhouette ha il DNA inconfondibile della prima 911. Questo non vuol dire che Porsche non abbia cercato altri tipi di carrozzeria. I 928 e 944, entrambe le vetture con motore anteriore, sono state introdotte nel 1977 e nel 1982, rispettivamente, come successori apparenti alla 911. Tuttavia, entrambe sono state poi interrotte, dal momento che nessuna delle due aveva il fascino duraturo della 911.


Nella sua corsa ai 50 anni, alcuni degli eventi più significativi della storia della Porsche 911 sono:

• 1966 – Introduzione del primo modello Targa, cabriolet con roll bar,
• 1972 – Introduzione dello spoiler posteriore, comunemente chiamato il Duck Tail,
• 1973 – Introduzione della Carrera (spagnolo per la gara) i modelli 911, con aggiornamenti ispirati alle gare,
• 1974 – Introduzione del primo modello 911 Turbo,
• 1975 – Introduzione dello spoiler posteriore, comunemente chiamato il Whale Tail,
• 1983 – Introduzione del primo vero 911,
• 1995 – design dei fari rivisto per un look rilassato,

• 1999 – Passaggio da motori raffreddati ad aria a motori raffreddati ad acqua.


Il 2013 Porsche 911

L’ultima Porsche 911 continua nella tradizione di quella originale, solo che è più raffinata, e molto più potente. Il modello base è dotato di 350 cavalli e una velocità nominale massima di 179 mph. Ma, se avete bisogno ancora di più di brivido, è possibile ottenerla con 475 cavalli di potenza, spostandosi fino al modello GT3. La cabina di guida offre una vasta gamma di comfort, ma è chiaramente progettata per un guidatore professionista. Il tuo primo indizio è il grande tachimetro situato in posizione centrale sul cruscotto, il segnalatore di velocità è molto più piccolo e posizionato a lato.

L'articolo prosegue subito dopo


Troverete che, anche con tutti i suoi gadget avanzati e la potenza, le nuove auto sono ancora in grado di raggiungere uno dei valori fondamentali del marchio – affidabilità. Nel 2013 il marchio Porsche è al secondo posto tra tutte le case automobilistiche, ben al di sopra della media del settore. Ciò è particolarmente significativo, dal momento che ci si affida a clienti Porsche per testare i limiti delle loro automobili più che a conducenti tipici.

La Nuova Porsche Supercar – la 918 Spyder

Nell’ambito del 50 ° anniversario della celebrazione della 911, Porsche ha annunciato che il 18 settembre 2013, inizierà la produzione di una macchina molto speciale, la 918 Spyder. Questo ibrido innovativo avrà motori elettrici duplici, uno per azionare le ruote anteriori e uno per azionare le ruote posteriori, e anche un V8 collegato alle ruote posteriori. Insieme, i tre motori genereranno più di 700 cavalli. Con solo 918 pezzi di queste supercar in fase di costruzione, appassionati di Porsche si sono affrettati a inserire i loro nomi in lista d’attesa, nonostante il prezzo di 845 mila dollari. Un classico, anche prima di andare in produzione, la Porsche 918 Spyder è un salto importante nella tecnologia, segnalando una nuova direzione per la Porsche, e forse l’intero mondo automobilistico.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*