6 modi per aiutarlo a migliorare a letto

Sesso & Coppia

6 modi per aiutarlo a migliorare a letto

MIGLIORARE IL PARTNER A LETTO.
MIGLIORARE IL PARTNER A LETTO.

Siete innamoratissime del vostro compagno ma è una frana a letto? Ecco una guida semplice per aiutarlo a migliorare sotto le lenzuola.

Ogni volta è sempre la solita storia: ti provoca, ti fa eccitare, ti butta in mezzo alle lenzuola e poi al punto giusto… finisce il rapporto e tu rimani insoddisfatta. Sarà l’ansia, l’agitazione, l’eccitazione eppure… eppure lui non ce la fa e viene. Ecco allora 6 consigli per aiutare il tuo partner a migliorare a letto.

I 6 consigli migliori sono:

PARLARE AL PARTNER: cercate di capire al di fuori delle lenzuola quali sono i gusti del partner e cercate di realizzarli tra le lenzuola. Condividete le vostre idee e mettetele in pratica.

USCIRE DALLA ROUTINE: provate a fare uno spogliarello, cambiate luogo d’incontro, provocate il partner e fate in modo di eccitarlo e portarlo prima verso il vostro piacere.

POSIZIONE 69: questa è una delle posizioni più eccitanti ma utili nei preliminari.

I due amanti sono sdraiati uno sull’altra ma con la testa rivolta verso gli organi genitali in modo da avere un rapporto orale. Questa pratica farà alzare l’eccitazione a tutti e due.

RALLENTATE: iniziate facendo dei lunghi preliminari e subito dopo se vedete che il partner va troppo di fretta fermatelo. Se il vostro partner riprenderà il ritmo veloce mandatelo via in modo dolce finchè non capisce. Guardatelo negli occhi e fateli capire che la donna ha bisogno di tempi più lunghi.

PRENDETE IL CONTROLLO: non vi piace come vi sta toccando? Prendete coraggio e muovete la sua mano verso il punto che vi piace di più. In questo modo guiderete il partner e lui sarà felice di farvi provare piacere.

POSIZIONE DELL’AMAZZONE: un trucco per rallentare l’eiaculazione precoce del partner è quella della posizione sessuale dell’Amazzone. In questo caso il vostro compagno sta sdraiato sotto e voi stando di sopra potrete seguire il vostro piacere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche