A Catania il vertice sulle regole per gli allerta meteo

A Catania il vertice sulle regole per gli allerta meteo

Attualità

A Catania il vertice sulle regole per gli allerta meteo

Si terrà giovedi 12 novembre alle 10,30 nel Palazzo degli Elefanti il tanto atteso vertice, voluto dal sindaco di Catania Enzo Bianco insieme agli altri sindaci della Città metropolitana, e che coinvolgerà anche i responsabili nazionale e regionale della Protezione civile e le autorità civili e militari. Nel vertice si discuterà di mettere a punto un sistema di regole condivise che possa fungere da modello per anche per il resto d’Italia, al fine di evitare inutili allarmismi per le avverse condizioni meteo.

Alle 11.30 sarà invece in programma una conferenza stampa nella quale si farà il punto della situazione dell’incontro e che vedrà la presenza del capo dipartimento nazionale della Protezione civile Fabrizio Curcio e quello regionale Calogero Foti. Il tema della conferenza saranno i cambiamenti climatici che hanno prodotto nel sud dell’Europa fenomeni di tropicalizzazione con piogge copiose e ben al di sopra delle medie del passato, che stanno martoriando da tempo Italia e Francia, creando danni immani soprattutto nelle zone ad alto rischio idrogeologico.

La gestione degli allarmi sono spesso delegate agli stessi sindaci che raccolgono le segnalazione della Protezione Civile decidendo di volta in volta gli interventi da assumere per evitare rischi ulteriori, come la chiusura di uffici pubblici e scuole.

‘La riunione di giovedì – ha sottolineato il sindaco Bianco, in qualità di presidente del Consiglio nazionale dell’Anci – servirà a darci la possibilità di interagire strettamente con la Protezione civile e lavorare a un progetto comune per ridurre al minimo l’impatto sul territorio di questi fenomeni oggi non più eccezionali ma purtroppo frequenti.

La Città Metropolitana di Catania potrà rappresentare così l’area test per sperimentare le nuove regole per l’allerta meteo e le procedure per l’emergenza’.

Era stato lo stesso sindaco Bianco a segnalare il problema nello scorso febbraio, dopo una serie di ripetuti allerta meteo che poi si sono risolti in temporali brevi e di poco conto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*