A cosa serve lo zinco?

Guide

A cosa serve lo zinco?

Lo zinco è il minerale che protegge il Dna e rigenera i tessuti, è responsabile di tantissime reazioni: interviene nella struttura di oltre 100 enzimi, regolandone l’attività, e agisce sul metabolismo delle proteine e degli acidi nucleici, le molecole che controllano alcuni processi fondamentali del nostro organismo. La funzione più importante dello zinco riguarda la salute delle nostre cellule: lo zinco infatti partecipa alla formazione e alla riparazione del DNA e, grazie a questa sua azione, ha anche un effetto antiaging sulla pelle.

Ci avete mai fatto caso? Pomate e lozioni contro le irritazioni, scottature e rossori sono a base di questo minerale, che ha la capacità di rigenerare i tessuti. Lo zinco garantisce anche il funzionamento del nostro sistema immunitario, fortificando le difese. Ne regolarizza l’azione impedendo che, se indebolito, si lasci facilmente sopraffare da batteri e virus oppure che possa diventare aggressivo, favorendo l’insorgere di allergie e malattie autoimmuni.

Durante l’infanzia sostiene lo sviluppo del timo, la ghiandola che ci protegge dalle infezioni.

Al nostro organismo ne servono circa 10 mg al giorno, l’organismo non è capace di produrlo da sé, quindi va assunto con l’alimentazione. I cibi più ricchi di questo minerale sono: pesce, crostacei, frutti di mare, lievito di birra, carne, semi di zucca e girasole, frutta secca. Alte percentuali di zinco sono pure contenute nel latte e nel tuorlo d’uovo. Difficile andare in carenza: sono a rischio deficit le persone che seguono regimi vegetariani molto rigidi, quindi con una dieta in cui si consumano elevate quantità di cereali integrali, legumi e prodotti a base di crusca.

L’assorbimento da parte dell’intestino di questo minerale può essere ostacolato dai fitati e dalle fibre contenute in cereali & Co. Oltre alla pelle che tende a desquamarsi, un altro segnale di carenza è la difficoltà di cicatrizzazione delle piccole ferite, oppure la presenza improvvisa di brufoletti o di afte in bocca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*