A Firenze Conferenza Europea sulla Mediazione Transfrontaliera

Firenze

A Firenze Conferenza Europea sulla Mediazione Transfrontaliera

Mediazione
La giustizia è uguale per tutti, ma a quanto pare non sempre questa semplice formula viene applicata. E in una realtà giovane come quella dell’Unione Europea si è fatta sentire maggiormente la necessità di garantire dei diritti fondamentali come i valori della dignità umana, la libertà, la democrazia, l’uguaglianza.
L’European Commision Justice ha adottato una strategia per l’effettiva attuazione della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, proclamata solennemente dai Presidenti del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione al Consiglio europeo di Nizza il 7 dicembre 2000.

A Firenze dal 20 al 21 ottobre 2011 si terrà la prima Conferenza Europea sulla Mediazione Transfrontaliera, dal titolo: “Mediation in cross-border disputes” presso il The Hilton Florence Metropole hotel.

Ente organizzatore è l’International Mediation Alliance (IMA) con il contributo delle due società di consulenza culture.communication e Steinbeis Beratungszentrum Wirtschaftsmediation, entrambe con sede principale in Germania, e la Resolutia (Gestione controversie) associazione di professionisti leader in Italia nel settore delle ADR, che ha lo scopo di promuovere e di diffondere l’utilizzo di metodi alternativi di risoluzione delle controversie.
Questo progetto, patrocinato dal Ministero della Giustizia polacco e della Bassa Sassonia, nonché dal Comune di Firenze, è finanziato con il sostegno della Commissione Europea, nell’ambito del programma “Civil Justice 2007-2013” e che ha lo scopo, di fare il punto sulla mediazione transfrontaliera attraverso una sezione plenaria ed una serie di workshop, tenuti da professionisti di tutta Europa e d’oltreoceano.
All’evento parteciperà una ricca rosa di relatori di fama internazionale, tra cui il noto William Ury, uno dei fondatori del Programma Harvard per la risoluzione dei conflitti, attuale membro senior del progetto “Harvard Negotiation Project”.
Il vantaggio della mediazione rispetto ai procedimenti giudiziali, oltre al risparmio di denaro e tempo, consiste nell’elaborazione di una soluzione condivisa del conflitto, che permette di salvaguardare i rapporti, anche in funzione di una durevole collaborazione nel futuro: l’obiettivo finale è l’elaborazione di standard uniformi di mediazione interculturale per gestione dei conflitti transfrontalieri.

La mediazione come metodo moderno per la risoluzione di controversie non può più essere ignorata.

Proprio in caso di conflitti transfrontalieri e interculturali può garantire soluzioni che assicurino la tutela dei diritti e delle esigenze di tutti i partecipanti”, riassume il Segretario di Stato del Ministero della Giustizia della Bassa Sassonia, il Dott. Jürgen Oehlerking.

Conferenza Europea sulla Mediazione Transfrontaliera
20-21 ottobre 2011
Hilton Florence Metropole
Via del Cavallaccio, 36 – Firenze

Per maggiori informazioni contattare:
Avv. Cristiana Marucci (marucci@resolutia.it)
Avv. Claudia Covata (covata@resolutia.it)
Avv. Paola Ventura (p.ventura@lascalaw.com)
www.ima-mediation.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*