A Savigliano il convegno “I piaceri della carne”: allevamenti tra scienza e mercato COMMENTA  

A Savigliano il convegno “I piaceri della carne”: allevamenti tra scienza e mercato COMMENTA  

Giovedì 14 marzo, alle 14,30, presso la sala Crusà Neira di Savigliano, nell’ambito della 32a Fiera nazionale della Meccanizzazione, avrà luogo il convegno “I piaceri della carne” organizzato da Confagricoltura Cuneo, in collaborazione con Confagricoltura Torino.

Leggi anche: Etna, allarme della Coldiretti: ‘Ingenti i danni della cenere vulcanica sulla raccolta di arance’

“È un appuntamento che prevediamo ricco di spunti per riflettere sul momento attuale di un settore nevralgico per la nostra economia provinciale – dichiara Oreste Massimino, presidente di Confagricoltura Cuneo -. Sul nostro territorio ha sede circa il 70% delle aziende zootecniche piemontesi, quale miglior contesto, dunque, per discutere anche dei principali problemi che purtroppo da troppo tempo affliggono il settore? Lo faremo con relatori di grande prestigio con l’obiettivo di tracciare il panorama locale, nazionale ed europeo in cui operano le aziende zootecniche”.

Leggi anche: Il Time premia Angela Merkel come personaggio dell’anno

Dopo l’introduzione del presidente Massimino, i lavori entreranno nel vivo con l’intervento di Andrea Poli, direttore scientifico del Nutrition Foundation of Italy, che dati alla mano farà luce sulle reali proprietà nutrizionali della carne. Seguiranno poi considerazioni utili a delineare l’attuale fase vissuta dal comparto sul mercato globale, grazie a contributi di assoluto livello da parte di Fabrizio Guidetti, presidente Unipeg, Aldo Muraro, presidente di Unitalia, e Giovanna Parmigiani, presidente nazionale della sezione Suinicola di Confagricoltura. Calandosi nel contesto locale della Granda si cercherà di comprendere, inoltre, in che modo le dinamiche internazionali incidono sulla conduzione aziendale di tutti i giorni attraverso il parere di rappresentanti di: Compral Carne, Carni DOCK e ORA Soc. Agricola. Toccherà invece all’assessore regionale all’Agricoltura, Claudio Sacchetto, rimarcare le azioni intraprese a livello istituzionale per sostenere le produzioni piemontesi di qualità, mentre al direttore di Confagricoltura Cuneo, Roberto Abellonio, saranno affidate le conclusioni.


PROFILO DEI RELATORI
Andrea Poli. Laureato in medicina e chirurgia e specializzato in farmacologia, è il direttore scientifico della Nutrition Foundation of Italy, costituita nel 1976 con l’obiettivo di attivare interazioni e collaborazioni per contribuire allo sviluppo della ricerca scientifica nel campo dell’alimentazione ed alla promozione di ricerche interdisciplinari in questo settore.

L'articolo prosegue subito dopo

Fabrizio Guidett. Reggiano, esperto di problemi agricoli, dal 2009 è presidente della cooperativa Unipeg, azienda leader in Italia del settore delle carni bovine fresche. Unipeg raccoglie soci in diverse regioni italiane ed è una delle realtà di riferimento europeo.
Aldo Muraro. È il presidente di Unaitalia, l’Unione nazionale delle filiere agroalimentari di carni e uova, nata nel 2012, che raggruppa circa il 90% delle aziende del settore avicunicolo. L’obiettivo dell’associazione è di unire le forze per rafforzare il proprio peso in ambito istituzionale, proponendosi come riferimento delle filiere zootecniche.
Giovanna Parmigiani. Dal luglio 2012 è presidente della Sezione di Prodotto Carni Suine di Confagricoltura. Già Presidente della Sezione di Prodotto Carni bovine e suine di Confagricoltura Piacenza e di Confagricoltura Emilia-Romagna, la nota imprenditrice di Piacenza si è impegnata per la definizione di un Piano Nazionale di rilancio del settore suinicolo.

Leggi anche

sorpresine-kinder_per-il-britannico-the-sun-le-confezionano-i-bambini
News

Sorpresine Kinder: per il britannico The Sun le confezionano i bambini

Inchiesta giornalistica GB rivela cosa sta dietro i giocattoli miniaturizzati negli ovetti: famiglie rumene costrette a far lavorare anche i figli minorenni Un velo di tristezza ammanta le sorpresine Kinder contenute nei famosi ovetti che, normalmente, sono destinati a donare gioia ai bambini, dopo l’inchiesta portata avanti dalla redazione del quotidiano britannico The Sun: secondo il prestigioso giornale, infatti, la Ferrero commissionerebbe la confezione degli oggettini da inserire nelle famose uova di cioccolato ad un’azienda rumena, la Romexa, che a sua volta subappalterebbe il lavoro alla Prolegis. Quest’ultima affiderebbe poi la preparazione manuale dei mini giocattoli a delle famiglie in Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*