A Sparone e Ribordone doppia tappa per “Provincia incantata”, sulle tracce di Re Arduino COMMENTA  

A Sparone e Ribordone doppia tappa per “Provincia incantata”, sulle tracce di Re Arduino COMMENTA  

Doppia visita domenica 8 settembre per il circuito “Provincia Incantata”, il progetto ideato per far conoscere i borghi del Torinese ricchi di storia, sapienza, creatività e piccoli gioielli architettonici. Saranno Sparone e Ribordone, nell’Alto Canavese, le mete della seconda domenica di settembre, con le visite guidate animate alla scoperta della terra di Re Arduino e del santuario di Prascondù.


Dopo le tappe estive molto partecipate nelle valli torinesi, il circuito delle visite guidate teatrali continua dunque a proporre anche nel mese di settembre una serie di luoghi in cui la provincia “incanta”, per le sue bellezze architettoniche e paesaggistiche, per la sapienza e lo spirito di accoglienza di chi vi è nato e vi lavora. “Il compito di “Provincia incantata” – sottolineano gli attori dell’associazione “Teatro e Società”, Davide Motto, Elisabetta Baro e Franco Carapelle, che arricchiscono i percorsi di appassionanti suggestioni narrative – è quello di valorizzare questo ricchissimo patrimonio e di portare ciascuno a diventare protagonista ideale della salvaguardia di tradizioni e tipicità locali uniche. Su ogni luogo storico incombono, infatti, i piani di un misterioso “Dottor X” che vuole “riqualificare” e “ammodernare” il territorio, demolendo ciò che è vecchio e superato. Al pubblico di “Provincia Incantata” il compito di smascherare ogni volta i suoi piani e cogliere il valore di quest’esperienza”.

“Provincia Incantata”, giunta alla terza edizione, è realizzata dall’associazione “Teatro e Società”, che raccoglie l’esperienza teatrale della Compagnia CAST, in collaborazione con la Provincia di Torino, l’Atl “Turismo Torino e provincia”, la Camera di commercio ed i Comuni aderenti all’iniziativa.


Domenica 8 Settembre il ritrovo è alle 15,30 davanti al Municipio di Sparone, in piazza Municipale 1. Di qui il percorso di visita procede con verso la Rocca di Re Arduino, figura centrale nella storia di Sparone e signore del borgo intorno all’anno Mille. Sulla gloriosa rocca di Sparone, che prese il nome del primo re d’ltalia, si distinse il valore degli sparonesi, che costrinsero l’imperatore Enrico II di Germania a togliere un assedio durato un anno. Appena fuori dall’abitato di Sparone, su una collina, si trovano le rovine dell’antico castello di Arduino. Attigua ai ruderi è l’antica chiesa parrocchiale di Santa Croce, il monumento meglio conservato, oggetto di recenti restauri. L’edificio è databile intorno al 1025 e si dice sia stato eretto su commissione dello stesso Arduino. Nella chiesa si possono ammirare dipinti databili tra la fine del ‘300 e primi anni del ‘400, attribuibili a un pittore formatosi alla scuola post-giottesca. A Sparone è attivo il gruppo storico La Motta, fondato nel 1986 da alcuni amanti della storia e in particolare dei fatti avvenuti a Sparone intorno all’anno Mille. Dopo lo spostamento con mezzi propri a Ribordone, la visita prosegue al Santuario di Prascondù, edificato nel 1620 in seguito a un evento miracoloso che viene rievocato durante la messa in scena. Nel cortile del santuario si trova il Museo della religiosità. Al termine del percorso animato, ai partecipanti viene offerta un assaggio di prodotti tipici locali.

L'articolo prosegue subito dopo

INFORMAZIONI PRATICHE PER LA PARTECIPAZIONE

La partecipazione alla visita guidata è gratuita. La prenotazione delle visite guidate animate è consigliata entro le 17,30 del giorno precedente, presso l’Ufficio del Turismo di Ivrea, che fa capo all’Atl“Turismo Torino e provincia”. Per informazioni: telefono 0125-618131, e-mail info.ivrea@turismotorino.org. Il ritrovo dei partecipanti è alle 15,30 davanti al Municipio di
Sparone, piazza Municipale 1. Lo spostamento a Ribordone è previsto con mezzi propri.

I SUCCESSIVI APPUNTAMENTI DI “PROVINCIA INCANTATA”

Domenica 22 settembre a Castellamonte e Torre Canavese, sabato 28 settembre a Bricherasio, domenica 29 settembre a Pomaretto, domenica 6 ottobre a Moncalieri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*