Napoli: cosa visitare e cosa mangiare

Viaggi

Napoli: cosa visitare e cosa mangiare

napoli

Napoli è una delle città più belle d'Italia. Scopri i luoghi migliori da visitare durante la tua vacanza.

Napoli: città di arte, musica, folklore e buona cucina. Città dalle mille facce, spesso contraddittorie che, però, la rendono unica. Napoli è vivace capitale culturale, chiassoso porto di mare, crocevia di suoni, sapori, profumi. Un giorno trascorso in questa città aggiungerà sicuramente un po’ di brio alla vostra vacanza.

Cosa visitare a Napoli

L’origine di Napoli proviene dalla sirena Partenope. Per questo motivo il tratto principale che contraddistingue questa città e i suoi abitanti è la bizzarria. Napoli è una città fantastica che contiene al suo interno delle bellezze storiche davvero uniche come il Museo di Capodimonte e Palazzo Reale. Tutto questo però unito ad alcuni tra i peggiori tratti della modernità: il traffico e il caos.

La città di Napoli è storicamente devota a San Gennaro. Questa realtà riesce a convivere perfettamente con l’anima pagana di Napoli che è altrettanto forte. Questa viene tramandata e conservata all’interno di quella che viene chiamata la Napoli Sotterranea e anche nella Cappella San Severo.

Uno dei punti forti di Napoli è sicuramente il clima e il panorama.

Qui infatti si potranno osservare dei pezzi di panorama che davvero non hanno eguali al mondo e che rendono una vacanza a Napoli assolutamente indispensabile per ogni persona. In questa città le cose da vedere non finiscono mai e per visitare i principali luoghi di interesse sarà sufficiente indossare delle scarpe comode e partire alla scoperta di questi luoghi fantastici.

Castel Sant’Elmo

Castel San’t Elmo è una fortezza medievale che domina dall’alto la città essendo situato nella zona di San Martino. Sostanzialmente è la parte più alta del quartiere Vomero. Accedendo al castello dalla rampa che supera il dislivello del profondo fossato, si ammira il magnifico panorama di tutta Napoli.

castel sant elmo

Piazza Plebliscito e il Palazzo Reale

Il luogo simbolo per eccellenza di Napoli è sicuramente Piazza Plebiscito. Questa bellissima piazza nel corso degli anni ha avuto una trasformazione assolutamente incredibile. prima infatti era un semplice luogo di raccolta per i cittadini napoletani che si riunivano per i vari tornei che contraddistinguevano la città.

Ora invece è il vero gioiello della città. Da anni è stata totalmente liberata dalle macchine ed è continuamente assalita da migliaia di turisti che accorrono per vedere le due bellezze che riempiono questa piazza: Palazzo Reale e la chiesa di San Francesco di Paola.

piazza plebiscito

Palazzo Reale venne costruito verso la fine del 1500 in vista della possibile visita del Re Filippo III a Napoli. Questa notizia creò un vero e proprio caos all’interno della capitale del Viceregno. Questo perché Napoli non aveva nessun luogo per ospitare quello che era in quel momento l’uomo più potente del mondo. Dopo una serie infinita di discussioni. il viceré don Fernando si convinse ad ordinare la costruzione di una residenza per questo importantissimo ospite. La costruzione del Palazzo Reale fu affidata a Domenico Fontana nel 1600, che riuscì a consegnarlo dopo appena due anni. Questi enormi sforzi furono però totalmente vani. Senza alcuno motivo specifico il Re Filippo III decise cambiare idea rinviò la sua visita a Napoli a data da destinarsi.

Oggi è possibile entrare all’interno di Palazzo Reale e visitare i meravigliosi giardini, l’appartamento reale, la cappella reale e il Teatrino di corte.

NapoliPalazzoReale

I musei

Il museo archeologico Nazionale è ritenuto uno dei più importanti al mondo. Questo museo vanta il più ricco e prezioso patrimonio di opere d’arte e reperti archeologici d’Italia. Molto interessante è la “collezione pompeiana”, raccolta espositiva di arredi, statue, sculture, mosaici e affreschi provenienti dall’area vesuviana.

Il Museo e le Gallerie Nazionali di Capodimonte, invece, sono una delle istituzioni museali d’avanguardia dell’intero Paese. Tra le opere più prestigiose conservate al museo vi è l’opera di Simone Martini “ San Ludovico di Tolosa”. Questa tavola celebrativa è la prima icona profana apparsa in Italia e la prima a ritrarre un personaggio vivente (Roberto d’Angiò).

Il cibo

Quando si parla di Napoli, non si può non parlare di uno dei migliori prodotti nostrani: la pizza. L’Antica Pizzeria Brandi a Napoli è conosciuta in tutto il mondo per aver dato i natali alla pizza margherita.

Qui potrete assaporare la vera pizza condita con pomodoro, mozzarella, basilico fresco, sale ed olio, nata per onorare, nel 1889, la Regina Margherita di Savoia. Visitare la città a piedi è il modo migliore per perdersi tra botteghe artigiane e negozi di souvenir nella bella Piazza dei Martiri.

Infine, osservate. Osservate i volti dei napoletani. Sguardi, voci e gesti che raccontano le tradizioni e la cultura di una terra ricca di contrasti, a volte “difficile” ma, sicuramente, unica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche