Vota Hilary con le doglie e corre a partorire

Esteri

Vota Hilary con le doglie e corre a partorire

Vota Hilary con le doglie e corre a partorire
votare Hilary clinton

Votare Hilary a tutti i costi: il senso civico ha portato una giovane donna americana a trattenere il respiro, orami in travaglio, per poter andare a confermare il suo voto a Hilary Clinton.

La vera eroina degli ideali si chiama Sosha Adelstein. Sosha era perfettamente consapevole che avrebbe dovuto partorire proprio lo stesso giorno delle elezioni. Il parto e il desiderio di diventare una mamma non l’ hanno bloccata. Infatti neanche le contrazioni, pur se dolorose, le hanno impedito di onorare i suoi doveri di vera cittadina consapevole.

Una giovane donna, soli 31enne, incinta del marito Max Brandel, del Colorado. La donna ha iniziato ad avere le contrazioni , ma prima di essere ricoverata, e quindi di recarsi presso il suo ospedale di fiducia, ha pensato a votare. E lo ha fatto proprio durante il tragitto, sentendosi in grado di poter trattenere ancora per un poco il dolore e di potersi permettere il tempo necessario all’atto del voto.

Del resto si votava per le elezioni del presidente, mica per cose effimere.

Così Sosha Adelstei, subito dopo essersi presentata a votare, è stata ricoverata al Boulder Community Health Foothills Hospital. Alla clinica, finalmente, ha dato alla luce la piccola Bella Rose. Desiderava tantissimo poter dare il suo voto a Hilary Clinton, e, fortunatamente le procedure sono state snelle semplici, senza attese. Racconta Sosha alla radio locale del Colorado, radio Cbs4. E afferma: ” Ci sono voluti solo 10 minuti. Ero entusiasta di andare a votare. Ho fatto un respiro profondo quando sono arrivate le contrazioni, ho preso la mia busta e tutto è andato bene. E’ molto importante per noi che nostra figlia nasca in un mondo e in un paese di cui siamo orgogliosi”, ha aggiunto. Appena 14 ore dopo, conseguenza di un lungo e difficile travaglio, Sosha Adelstein da alla luce la sua bambina adorata. Una bambina bella e sana.

La donna che ha trattenuto il dolore per adempire al suo dovere sentito di cittadina si ritiene soddisfatta e dichiara che mai avrebbe messo a rischio la salute della sua piccola, che se qualcosa non fosse andato, lei lo avrebbe sentito.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Chiara Cichero 1240 Articoli
Mamma, laureata, scrittrice incallita, ambientalista da una vita, esperta in Pnl, in comunicazione di massa e nel benessere emotivo. Maremmana per amore di questa terra tanto rigogliosa, fiorentina di nascita e di formazione. Blogger e redattrice on line, attualmente studentessa in Seo Web Marketing Specialist.