Abbandonata dal falso principe: dov’ è finito il ‘e vissero per sempre felici e contenti’ ?

Cronaca

Abbandonata dal falso principe: dov’ è finito il ‘e vissero per sempre felici e contenti’ ?

Vicenza: quello che doveva essere un matrimonio da favola si è rivelato una terribile beffa. Lei semplice impiegata di modesta famiglia a Bassano del Grappa e lui principe del Liechtenstein (ma solo a parole). Sedotta e abbandonata dal falso principe, la giovane bassanese si è trovata sola con le amiche e i parenti davanti all’altare di una chiesa di Bassano del Grappa, visto che lo sposo, che l’aveva conquistata a suon di titoli nobiliari, l’ha lasciata con numerosi conti da pagare in parte anticipati e ovviamente solo da lei. Una menzogna quindi che la vicentina pagherà cara.

“Sua altezza” Giorgio Pellegrin, come riportano alcuni quotidiani veneti, dopo aver ubriacato la futura sposa raccontandole del suo mondo regale, aveva infatti organizzato un matrimonio d’altri tempi, come solo le teste coronate si riservano. I preparativi del matrimonio prevedevano una festa in un castello, arrivo in elicottero, fotografo per le nozze da 40mila euro, guardie del corpo, un “giardino” di fiori per il giorno del sì, pranzo per 160 invitati in un lussuoso Golf Club e via dicendo tutto il repertorio.

Peccato che i pochi e miseri acconti li abbia anticipati la giovane impiegata: l’unica a non sentire “odore di bruciato”.

Una vicenda questa che sta facendo il giro di quotidiani e telegiornali provocando risate e battute come fosse una divertente burla da raccontare all ‘ amico del bar.

Ma andando oltre all’ impatto umoristico di tutto ciò, non viene da chiedersi dove sia finito il ‘ C’ era una volta’ e il ‘ E vissero per sempre felici e contenti’ ?

Al giorno d’ oggi si legge delle più svariate e fantasiose truffe che vengono organizzate, ci si prende in giro per la minima sciocchezza….perchè ci ritroviamo in una società terribilmente povera di tante cose. Povera di entusiasmo, povera di obiettivi, di propositi e speranze. Povera di valori. E stanca…stanca di tutti i problemi e le mancanze che ci ritroviamo ad affrontare ogni giorno. Per questo mi chiedo: come si fa a prendersi gioco anche di una delle cose più belle e più vere che ci rimane, come si fa a prendersi gioco dell’ Amore?

Questo sarà sicuramente un duro colpo che la ragazza dovrà superare, per i debiti rimasti da pagare ma anche per ciò che la persona andata via lascia nel suo cuore.

Un dolore pungente che chiederà perchè’? Perchè questo? Ma un giorno i debiti verranno pagati e lei riuscirà a scrivere il suo ‘ E vissero per sempre felici e contenti’. E lui?

Mia cara vicentina, lui probabilmente si ritroverà in fuga per il mondo, con una collezione di ‘C ‘ era una volta’….ma solo e senza nessun lieto fine.

Era una bellissima favola la nostra storia, ma il lieto fine è stato quello di vedere la tua ombra seguirti in un sentiero lontano da me.
Valentina Di Leo

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche