Abbraccia il fidanzato e si rompe le costole: la lotta di Georgia contro l’anoressia COMMENTA  

Abbraccia il fidanzato e si rompe le costole: la lotta di Georgia contro l’anoressia COMMENTA  

Abbraccia il fidanzato e si rompe le costole: la lotta di Georgia contro l’anoressia

Georgia McGrath da 4 anni ha iniziato una lotta serrata contro un male terribile: l’anoressia. Pesava 63 chili, ma dopo essere stata presa di mira dai bulli che la chiamavano “grassa”  decise di dimagrire, entrando però in un tunnel dal quale è arduo uscire. Si era ridotta a mangiare solo gallette di riso ed era ossessionata dalla sua silhouette e dall’attività fisica. Era arrivata a pesare 31 chili , tanto da essere ricoverata in ospedale per alcuni problemi di salute dovuti alla sua dieta ferrea. Ad Agosto dello scorso anno accadde un fatto terribile che fece riflettere Georgia, facendole comprendere che era giunto il momento di dare una nuova svolta alla sua vita. Stava saltando tra le braccia del suo fidanzato Ashton (25 anni), quando all’improvviso le si ruppe una costola. La stessa ragazza ha dichiarato: “Quando sono saltata tra le braccia di Ashton è iniziata l’agonia, stavo male e faticavo a respirare. Credevo che le ossa avessero forato i polmoni. Le mie costole erano divenute fragili e sottili”. La sua famiglia era disperata, pensava che Georgia non sarebbe mai riuscita a sconfiggere l’anoressia. Nonostante tutto, la ragazza ha deciso di reagire e, con una grande forza di volontà, sta piano piano uscendo da quella “fossa dei leoni” che risucchia migliaia di ragazze come lei nel mondo.

Leggi anche: Modella curvy posta video contro diete: censurata da facebook

Leggi anche

Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo
Attualità

Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo

Una giovane studentessa è stata violentemente  picchiata dalla madre perché non portava il velo .   Accadeva a Udine: la ragazza è stata subito allontanata dai Servizi sociali del Comune e collocata in una struttura protetta, sicura attacchi di ira violenta come quello appena subito. La giovane era stata picchiata dalla mamma  solo non aveva messo il velo islamico, giovane che temeva anche la reazione del padre.  La studentessa era infatti stata  sorpresa dalla madre a scuola, mentre era  senza velo. Una ragazzina di origini nordafricane, una brava studentessa in un istituto superiore di Udine, che è stata allontanata d'urgenza dalla Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*