I CRAMPI NOTTURNI AI POLPACCI… CHE DOLORE! COMMENTA  

I CRAMPI NOTTURNI AI POLPACCI… CHE DOLORE! COMMENTA  

 

crampi polpacci

Nelle notti d’estate capita spesso di essere tormentati dai crampi notturni. Come mai accade ciò?

Nella maggior parte dei casi i crampi ai polpacci si verificano appunto di notte, ed al dolore si aggiunge il fastidio di un riposo non continuo. I crampi sono contrazioni muscolari involontarie, spasmodiche e spesso dolorose. Sono più frequenti nel sesso femminile, soprattutto nei soggetti con insufficienza venosa. Sono un fastidio noto anche agli sportivi, soprattutto a quelli fuori allenamento. Tra gli sport più a rischio di crampi ci sono la corsa, il tennis, il calcio, ma con un po’ di riposo ed esercizi di stretching il problema si risolve. I crampi notturni sono contrazioni involontarie e improvvise dei muscoli delle gambe: nella maggior parte dei casi  colpiscono i muscoli del polpaccio e… aggiungo io, sono dolorosissimi!

Anche se una causa definitiva e sicura non è stata identificata, ci sono però diversi fattori che influenzano la comparsa dei crampi notturni: per esempio, il livello dei sali minerali come sodio, potassio, mangnesio e calcio. In effetti, una delle terapie più diffuse è quella di aumentare l’apporto di magnesio e sodio, o attraverso integratori o scegliendo una dieta ricca di frutta. Inoltre è importante bere frequentemente, senza aspettare di avere sete, soprattutto se si suda abbondantemente.


Altri fattori che facilitano il fenomeno dei crampi notturni possono essere eventi o abitudini della nostra vita diurna, come per esempio il fatto di passare troppo tempo seduti, con conseguenze negative sulla circolazione sanguigna nelle gambe.


I crampi possono essere, però, anche un campanello d’allarme per patologie più gravi, quando il dolore crampiforme è esteso a tutta la gamba e non solo al polpaccio: in questi casi, ci può essere un problema di natura cardiovascolare e sarà opportuno rivolgersi al medico.

Leggi anche

Salute

Dieta Lemme: quali danni provoca

Dieta Lemme: sconsigliata a chi soffre di problemi al fegato, ai reni, la mancanza totale di sale potrebbe portare ad ipotensione con capogiri, sconsigliata anche alle donne in gravidanza La dieta del Dottor Lemme sta Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*