Acido ialuronico in gravidanza: effetti collaterali COMMENTA  

Acido ialuronico in gravidanza: effetti collaterali COMMENTA  

Filler di acido ialuronico durante la gravidanza? Vivamente sconsigliato a causa degli effetti collaterali e controindicazioni quali: reazioni allergiche o di ipersensibilità, cefalea, diarrea, nausea, vomito, gonfiore, difficoltà respiratorie, febbre e vertigini

Sempre più di moda e protagonista indiscusso della medicina estetica è l’acido ialuronico, un composto organico e sostanza naturale presente anche nel corpo umano nei liquidi degli occhi e delle ossa, con lo scopo di idratare e proteggere i tessuti epiteliali.

L’acido ialuronico è stato scoperto, nell’anno 1930 e, ad oggi, trova larghissimo uso nella medicina e chirurgia estetica e nella dermatologia: un eterno elixir della giovinezza impiegato nei trattamenti anti età.

L’interesse più grande della medicina estetica nei confronti dell’acido ialuronico è scandito dalle sue molteplici applicazioni per curare e prevenire gli effetti dei segni del tempo e dell’invecchiamento della pelle.

L’acido ialuronico è efficace nei seguenti casi:

·      per stendere le rughe attorno alla bocca, da applicare sul tessuto epiteliale come se fosse un gel,

·      nella chirurgia degli occhi e dei trapianti corneali.

L'articolo prosegue subito dopo

Nella cosmesi e nei trattamenti medici, l’acido ialuronico è utilizzato anche per altre tipologie di trattamento non legate all’estetica come: il trattamento di molti problemi articolari mandibolari, la guarigione delle ferite della pelle, la prevenzione dei segni sulla pelle come cicatrici e macchie, del glaucoma, alle corde vocali e alle condizioni della retina. L’acido ialuronico utilizzato in Medicina Estetica è un polisaccaride lineare uniforme ottenuto per fermentazione batterica e sottoposto a processi di sterilizzazione di laboratorio: è del tutto simile alla molecola di acido ialuronico prodotta dall’organismo umano come importante componente strutturale del derma cutaneo.

Gli effetti e le controindicazioni legate all’utilizzo di acido ialuronico sono diverse dato che trattandosi di un trattamento finalizzato al miglioramento estetico dell’individuo e non necessario ai fini della salute, la condizione e lo stato di gravidanza e di allattamento è una fase piuttosto delicata per la salute di ogni donna. Pertanto, il consiglio degli esperti è quello di programmare il filler di acido ialuronico in un secondo momento, dopo il parto e l’allattamento. Gli effetti collaterali più diffusi sono ascrivibili ai seguenti: reazioni allergiche o di ipersensibilità, cefalea, diarrea, nausea, vomito, gonfiore, difficoltà respiratorie, febbre e vertigini

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*