Acqua e cibo a Venezia COMMENTA  

Acqua e cibo a Venezia COMMENTA  

Acqua e cibo a venezia
Acqua e cibo a venezia

Una mostra coinvolgente presso Palazzo Ducale a Venezia

Quando l’arte e la storia raccontano le peculiarità della città lagunare, presso l’appartamento del Doge

 

Sino al 14 febbraio 2016 sarà visitabile, presso il Palazzo Ducale di Venezia, la mostra Acqua e cibo a Venezia.

Storie della laguna e della città. L’esposizione, curata da Donatella Calabi, intende offrire una panoramica sulla vita in laguna, avvalendosi anche di strumenti multimediali che hanno permesso la creazione di un percorso interattivo capace di relazionarsi con le oltre cento opere esposte, tra le quali troviamo carte storiche, dipinti e le incisioni.

Strumenti e documenti utili a far percepire allo spettatore il senso della mostra calandolo in una esperienza coinvolgente.

Il percorso si suddivide in cinque sezioni tematiche con lo scopo di sottolineare l’unicità della città.

Attraverso l’utilizzo di alcuni plastici si è inteso spiegare il mutamento morfologico del territorio (La laguna si trasforma, prima sezione). Un’attenzione particolare è stata dedicata alla non facile produzione alimentare focalizzando l’attenzione sulle figure dei frutaroli e pescatori (Acqua e cibo in laguna e in terraferma, seconda sezione). Attraverso le fonti d’archivio si mostra uno spaccato sociale in relazione all’alimentazione ( Banchetti, parate, giochi e feste, terza sezione). Anche gli edifici che fungevano da luoghi di raccolta e distribuzione del cibo come monasteri, ospedali, osterie e presidi militari, sono stati sapientemente ricordati assieme a numerosi documenti (Architettura e alimentazione, quarta sezione). Infine nell’ultimo spazio sempre all’interno dell’appartamento del Doge si pone l’accento sul paradosso “è in acqua e non ha acqua” per indagare il complesso sistema di approvvigionamento idrico (In mezzo all’acqua/senz’acqua, quinta sezione).

Straordinario inoltre il contributo del monumentale dipinto La creazione degli animali di Jacopo Robusti (Tintoretto) in cui lo spettatore può osservare un campionario delle specie presenti in laguna.

Una mostra coinvolgente che si presta a suscitare l’interesse del pubblico, fino al 14 febbraio 2016 presso il Palazzo Ducale di Venezia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*