Acqua, ecco la situazione oggi in Italia
Acqua, ecco la situazione oggi in Italia
Ambiente

Acqua, ecco la situazione oggi in Italia

acqua potabile

Acqua in Italia significa laghi, fiumi, ghiacciai e pioggia, consumi da 245 litri al giorno e sprechi giganteschi. Ecco la situazione ad oggi.

Parliamo di acqua. Dopo che i recenti dati diffusi dall’Onu hanno affermato che circa un miliardo di persone al mondo non ha accesso costante e diretto a fonti di acqua potabile, il tema è ritornato ad essere centrale.

Prima di parlare del mondo, però, è bene restringere il campo partendo dal nostro territorio. Qual è la situazione dell’acqua in Italia? Quali i numeri?

Laghi, fiumi, pioggia e ghiacciai

La fonte primaria di acqua potabile sono senza alcun dubbio i fiumi. sorgenti “di vita e di identità culturale”, per usare le parole del ministro dell’Ambiente Galletti in occasione della recente Giornata Mondiale dell’Acqua.

In Italia ci sono circa 7500 fiumi (o, per meglio dire, corpi idrici fluviali) e 350 laghi. Secondo l’Ispra, solo il 43% dei fiumi raggiunge l’obiettivo in relazione allo stato ecologico, mentre la percentuale scende al 21% nel caso dei laghi.

La valutazioni condotte dall’istituto si basano su un modello molto complesso del bilancio idrogeologico, che consente di tenere conto di tutti gli aspetti del fenomeno.

Quanto alla pioggia, nel nostro Paese l’entità annua delle precipitazioni è compresa fra 200 e 300 miliardi di metri cubi. L’anno più secco, secondo i dati Ispra, è stato il 2001 con 191 miliardi di metri cubi. quello più piovoso è stato invece il 2010 con 307 miliardi. Per evotraspirazione, cioè il trasferimento dell’acqua di pioggia dal terreno all’atmosfera, si perde circa il 60-65% del totale.

Le notizie peggiori arrivano in tema di ghiacciai. dei 250 km3 di ghiaccio presenti sulle Alpi a metà del XIX secolo, ne restano infatti oggi solo 80 (dati del 2011). Colpa dei cambiamenti climatici e dell’innalzamento globale della temperatura.

Quanta acqua si usa, quanta acqua si spreca

Secondo l’Istat, ogni italiano usa ogni giorno 245 litri di acqua. Il dato è stato dedotto a partire dal volume complessivo di acqua potabile prelevato nel 2015 in tutti i comuni capoluogo di provincia, pari a 1,63 km3.

Al di là dei consumi, ad essere preoccupante è il dato relativo agli sprechi.

L’acqua dispersa prima dell’utilizzo risulta infatti essere circa il 38% del totale. In Italia, le perdite giornaliere totali assumono l’altissimo valore di 50 metri cubi per ogni chilometro della rete di distribuzione.

A questi consumi vanno poi aggiunti quelli relativi all’acqua “da tavola”. 3 famiglie su 10, nel nostro Paese, dichiarano di non bere l’acqua del rubinetto, con conseguente acquisto di bevande confezionate per un totale di circa 440 euro l’anno a famiglia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche