Ad Expo 2015 il workshop sul 'microbiota intestinale', la nuova frontiera nella lotta contro le intolleranze alimentari

Ad Expo 2015 il workshop sul ‘microbiota intestinale’, la nuova frontiera nella lotta contro le intolleranze alimentari

Cultura

Ad Expo 2015 il workshop sul ‘microbiota intestinale’, la nuova frontiera nella lotta contro le intolleranze alimentari

L’Università italiana è all’avanguardia, seconda solo a quella americana, in fatto di studi sulla prevenzione delle malattie attraverso l’alimentazione. Lo studio del microbiota intestinale sarà una delle sfide che attendono la medicina e la scienza in futuro.

Alcune prestigiose Università, fra cui l’Università Cattolica di Piacenza e Cremona e e diversi istituti afferenti al Dipartimento di scienze bio-agroalimentari del Consiglio nazionale delle ricerche sono impegnate nello studio della comprensione del funzionamento del complesso sistema di centinaia di batteri che hanno effetti benefici sulla nostra salute.

Lo studio verte anche sulla comprensione dei meccanismi per i quali ogni eventuale alterazione può dar luogo ad infiammazioni e disfunzioni. La vera sfida lanciata dalla ricerca moderma è quella del miglioramento dei cosiddetti cibi ‘funzionali’ arricchiti con probiotici, ovvero le colonie di lattobacilli e bifidobatteri che, introdotti nell’organismo attraverso gli alimenti, contribuiscono a rendere stabile l’equilibrio del microbiota.

A questo argomento è dedicato un workshop, che si terrà mercoledi 16 settembre al padiglione Italia di Expo 2015 che si intitola “Microbiota, nutrition and wellness: a system based approach” coordinato per il Cnr da Mauro Rossi e Filomena Nazzaro dell’Istituto di scienze dell’alimentazione (Isa-Cnr), da Enzo Grossi per Padiglione Italia e Lorenzo Morelli per l’Università Cattolica e sarà supportato dalla Fondazione Invernizzi.

Il professor Mauro Rossi ha spiegato l’obiettivo del workshop che illustrerà la nevralgica funzione del microbiota per lo sviluppo e la protezione del sistema immunitario: “Esiste inoltre un equilibrio dinamico tra il microbiota e il sistema immune: in certe condizioni patologiche alcuni batteri del microbiota possono diventare patogeni, stimolando la risposta infiammatoria.

Una non corretta alimentazione, poi, può indurre disbiosi, cioè alterare l’equilibrio intestinale tra le diverse specie microbiche, anche qui con un rischio di infiammazione: è quanto accade ad esempio nella celiachia”.

Il meccanismo di tolleranza immunologica è situato nel colon, e il microbiota ivi localizzato, è fondamentale per non generare meccanismi di intolleranza alimentare: ‘In particolare, nostre recenti ricerche svolte in collaborazione con l’azienda giapponese Meiji hanno dimostrato le notevoli potenzialità antiinfiammatorie di uno specifico ceppo di Lactobacillus gasseri, che può essere somministrato con l’alimentazione, utili per contrastare allergie o intolleranze alimentari su base immune’.

Leggi anche

Lampada di Birmingham
Cultura

L’enorme lampada di Birmingham illumina la città

23 ottobre 2017 di Notizie

Quale sarebbe la vostra reazione di fronte a un’enorme lampada da tavolo posizionata in centro alla città? Non è così difficile che vi accada a Birmingham. Sapete perché? Perché Oldenburg si è messo all’opera.