Adolescente fa sesso con il cane e scatta dei selfie COMMENTA  

Adolescente fa sesso con il cane e scatta dei selfie COMMENTA  

Un adolescente ha ammesso di aver scattato un selfies mentre faceva sesso con il cane in casa di sua nonna. Ashley Miller riferisce alla polizia che ha forzato il suo cane, un pitbull chiamato Due facce, a compiere un atto sessuale con lei tra 30 e 40 volte nel corso degli ultimi cinque anni. Gli ufficiali hanno inoltre riferito che ha ammesso di farlo anche con il suo cane precedente, un incrocio tra Pit bull e Rottweiler denominato Scarface, costringendolo a praticarle del sesso orale.

Leggi anche: Milano, cappuccino a 4 euro: lo scontrino delle polemiche al bar della stazione


Miller, da Bradenton, in Florida, dopo che la polizia ha scoperto le immagini sul suo telefono cellulare, è stata accusata di compiere attività sessuali con animali. Secondo i documenti ottenuti dal Smoking Gun,  Due facce vive a casa di sua nonna, a Bradenton, una città nella contea di Manatee. Ogni volta che voleva fare sesso con il cane, si chiudeva in camera da letto, si toglieva la biancheria intima e costringeva il cane ad andare sopra di lei.


Miller ha insistito dicendo che non ha mai costretto il cane a fare qualsiasi atto sessuale, aggiungendo che non ha mai toccato 2-face. La polizia ha riferito che gli scatti sono stati scoperti in due cartelle nascoste sul telefono di Miller, uno intitolato” fun 2-face “e un altro dal titolo” Me “. L’adolescente dovrà presentarsi in tribunale il prossimo mese.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*