Adolescente quasi morta dopo rara reazione allergica al collirio che causa alla sua pelle di staccarsi COMMENTA  

Adolescente quasi morta dopo rara reazione allergica al collirio che causa alla sua pelle di staccarsi COMMENTA  

Un adolescente quasi morta quando la sua pelle si staccava dopo che lei aveva avuto una reazione allergica al collirio.

Marian Adejokun, 19 anni, da Croydon, era coperta di bolle dalla testa ai piedi e ha perso gli strati della sua pelle dopo aver utilizzato una piccola dose di Optrex.


Ha trascorso più di tre settimane in terapia intensiva al Royal London Hospital dove i medici sconcertati hanno riferito la sua diagnosi di pericolo di vita di sindrome di Stevens-Johnson.

Marian Adejokun ha subito una grave reazione al collirio, che l’ha lasciata in terapia intensiva per tre settimane. Deve ancora essere alimentato attraverso un tubo.


Marian ha detto: ‘Ovunque ero gonfia. Il mio naso era enorme e gli occhi erano così rossi che si poteva prendere un cucchiaio e raschiare il sangue. ‘

A Marian è stato prescritto il collirio Optrex l’11 gennaio dopo aver accusato di un prurito all’occhio.

L'articolo prosegue subito dopo


Sua madre Remi le ha applicato le gocce prima di andare a letto, ma entro poche ore grumi rossi sono apparsi su tutto il corpo ed è stata subito ricoverata in ospedale.

Cos’è la sindrome di Stevens Johnson?
La Sindrome di Stevens Johnson (SJS) è una grave reazione avversa a un farmaco. È stata chiamata così dopo due pediatri americani l’hanno descritta nel 1922.

Essa colpisce circa due persone su un milione ed è più comune tra le donne.
I sintomi includono eruzioni cutanee, vesciche in bocca, orecchie e naso e gonfiore delle palpebre.
Se non trattata la condizione può portare alla morte. Possibili complicazioni includono la cecità e danni permanenti ai polmoni.
Il trattamento comprende fluidi IV e formule ad alto contenuto calorico per promuovere la guarigione. Gli antibiotici vengono somministrati quando necessario per prevenire infezioni secondarie come la sepsi. Farmaci antidolorifici come la morfina possono rendere il paziente più a suo agio.

La signora Adejokun ha detto: ‘Il suo viso era pieno di vesciche, le sue labbra erano molto gonfi e ancora i medici non sapevano cosa stava succedendo.

‘ Dopo una settimana ho pensato che non ci fosse alcuna speranza, giaceva sul letto, incapace di parlare.

Marian ha iniziato a perdere così la pelle deve essere doveva essere avvolto in un foglio di stagnola e deve ancora essere alimentata attraverso un tubo.

Esperti specializzati della pelle hanno detto che la sig.ra Adejokun non credeva che sua figlia sarebbe sopravvissuto.

Ha detto: ‘Ci sono state così tante vesciche su Marian e la sua pelle era strappata.

‘Ho visto la morte bussare alla porta di mia figlia, il tutto a causa di un collirio.’

Marian è stata finalmente trasferita dal reparto di terapia intensiva l’8 febbraio. E’ tornata a casa il 19 febbraio e deve ora affrontare mesi di trattamento idratante prima che la sua pelle guarisca.

I medici hanno definito il suo recupero come un “miracolo”.

Disse: ‘Quando ero nel reparto di terapia intensiva, a piangere dal dolore, tutto quello che ho pensato è stato tornare a casa.

‘Ho superato molto nella mia vita. Perdere la mia pelle a causa di un collirio è solo un altro ostacolo e ce l’ho fatta. ‘

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*