ADSL quando piove: se rallenta o non va cosa fare COMMENTA  

ADSL quando piove: se rallenta o non va cosa fare COMMENTA  

Adsl senza telefono: chi lo offre e quanto costa
Adsl senza telefono: chi lo offre e quanto costa

Alcune possibili problematiche inerenti l’utilizzo della connessione ADSL in condizioni atmosferiche avverse.

Ci siamo occupati a più riprese di connessione ADSL e delle possibili problematiche a essa connesse; in particolare, abbiamo riassunto quali sono le principali compagnie che la offrono e a quali costi. Ora ci occupiamo di un problema specificamente tecnico, relativo all’utilizzo di una connessione ADSL in condizioni atmosferiche particolari. Molti utenti (in particolare – almeno consultando i forum dedicati – quelli di alcuni provider specifici, pensiamo soprattutto a Tiscali e Fastweb), infatti, lamentano difficoltà di navigazione e rallentamenti in situazioni atmosferiche specifiche, in particolare con pioggia o comunque in caso di nuvolosità diffusa. Cosa fare, dunque, se si desidera utilizzare una connessione ADSL senza essere prima costretti a consultare le previsioni del tempo?
Spesso, in caso di pioggia, i problemi relativi alla stabilità della connessione riguardano i cavi utilizzati nel proverbiale ultimo miglio; ovvero nel tratto conclusivo della linea, quello che porta fino alla rete domestica. Con ogni probabilità, si tratta di un cavo non adeguatamente isolato (potrebbe addirittura trattarsi di un cavo privo di default di materiale isolante, utilizzato per sbaglio in una sede dove, al contrario, sarebbe servito un cavo perfettamente isolato) oppure deteriorato. In questi casi, si rende necessario sostituire il cavo, intervento che la maggior parte delle compagnie telefoniche svolge in tempi relativamente brevi. Molto però dipende dalla tipologia di cablatura – se su palizzata o interrata -, oppure dalla cassetta di derivazione, nel caso si trattasse di un segmento terminale di cavo.

Se la linea esterna è considerata perfettamente efficiente, potrebbe darsi che l’instabilità meteorologica finisca con l’influire su un componente interno. Ad esempio, se il modem o il router si trovano in una zona esposta a umidità – ad esempio uno scantinato -, o lungo una parete affetta da umidità di risalita, questo potrebbe influire negativamente sulle performance della connessione.

In questo caso, l’operatore telefonico non è chiamato a intervenire, ma l’utente deve provvedere in maniera autonoma a spostare l’apparecchio in un luogo più asciutto.

Ad ogni modo, prima di mettere le mani sulle proprie apparecchiature, conviene sempre verificare l’efficienza delle linee esterne, tramite il proprio operatore.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*