Aeroporto di Istanbul, 42 vittime: c’è la firma dell’Isis

Esteri

Aeroporto di Istanbul, 42 vittime: c’è la firma dell’Isis

aeroporto di istanbul

E’ salito a 42 il numero delle vittime dell’attentato all’aeroporto di Istanbul. Secondo la CIA l’attacco porta la firma dell’Isis.

Attacco all’aeroporto di Istanbul: 42 le vittime esclusi i 3 kamikaze. 239 i feriti.

Bilancio gravissimo: 42 vittime, 239 feriti accertati

Con la morte di un 22 enne che si trovava ricoverato, il conteggio delle vittime dell’attentato all’aeroporto Ataturk di Istanbul è salito a 42. Molti i cittadini turchi morti, 5 sauditi, 2 iracheni, 1 uzbeko, 1 cinese, 1 iraniano, 1 ucraino, 1 giordano e 1 palestinese. Sono 38 le persone di cui si è riusciti a verificare l’identità. Al momento non ci sarebbero europei fra le vittime.

Dal conteggio sono esclusi i 3 kamikaze che si sono fatti saltare in aria dopo lo scontro con la polizia turca. Il commando, secondo le attuali ricostruzioni, era composto da 7 persone. Ieri è stata arrestata una donna sospettata di far parte del gruppo di attentatori, mentre almeno altre tre persone sarebbero in fuga.

Di nessuno degli attentatori si conoscono al momento le generalità.

I feriti accertati sarebbero 239, dei quali 109 già dimessi.

Necessarie misure di sicurezza ulteriori, l’attentato porta la firma dell’Isis

Il premier turco Binali Yildirim ha spiegato che uno degli attentatori si sarebbe fatto esplodere al di fuori del settore degli archivi, dando modo agli altri due di penetrare all’interno dell’edificio. Per questo, ha dichiarato Yildirim, è “necessario prendere misure contro attacchi armati anche all’esterno” degli aeroporti incrementando “il numero degli agenti di sicurezza con un addestramento specifico”.

Al momento non ci sono state rivendicazioni, ma secondo molti l’attacco porta la firma dell’Isis. Secondo John Brennan, direttore della CIA, l’attentato all’aeroporto di Istanbul mostra “i segni distintivi della depravazione dello Stato Islamico“. L’idea che dietro la strage ci sia Daesh “si fa sempre più forte” ha commentato il premier turco Binali Yildirim.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...