Afellay e Fernando nel mirino dell’Inter COMMENTA  

Afellay e Fernando nel mirino dell’Inter COMMENTA  

Fernando potrebbe raggiungere Guarin
Fernando potrebbe raggiungere Guarin

Dopo il mezzo passo falso con il Cagliari, l’Inter vede ridotte al lumicino le sue speranze di poter accedere alla prossima edizione della Champions League, ottimo motivo per cominciare a monitorare con maggior attenzione il mercato in vista di un deciso rimescolamento nelle carte riguardanti la rosa per il prossimo anno. A questo proposito, le ultime notizie arrivano dalla Spagna e dal Portogallo. Dalla Spagna sono da registrare  le notizie riguardanti un forte interessamento dell’Inter per Ibrahim Afellay, ala olandese del Barcellona. Il giocatore, essendo chiuso nel suo ruolo dai vari Cuenca, Pedro, Sanchez e Tello, sarebbe entrato nell’ottica di cambiare aria per trovare lo spazio mai trovato in Catalogna e l’Inter avrebbe fatto recapitare una offerta di 8 milioni per poterne rilevare il cartellino. Considerato che Afellay vanta una lunga milizia nella nazionale del suo paese, potrebbe trattarsi di un vero affare per la società nerazzurra, considerata anche l’età di Afellay, 26 anni. Dalla Spagna rimbalza la voce di un’offerta da 8 milioni di euro dell’Inter per Ibrahim Afellay. L’ala olandese è chiusa al Barcellona dai vari Pedro, Sanchez, Cuenca e Tello, così difficilmente resterà nella rosa blaugrana in estate. I nerazzurri avrebbero già avviato le contrattazioni e in particolare Marco Branca avrebbe già avvicinato l’entourage del giocatore per discutere del possibile approdo a Milano.

In Portogallo, invece, l’Inter guarda con rinnovato interesse al Porto, da cui potrebbe arrivare anche Fernando, a rinnovare la coppia con Fredy Guarin che tanto bene ha gia fatto coi Dragoes.

Il giocatore, dopo un periodo non facilissimo, sembra ormai destinato a lasciare il Portogallo e l’Inter potrebbe essere la piazza ideale per un suo deciso rilancio.

Tipico muscolare di centrocampo, Fernando potrebbe dare nuova linfa ad un reparto, quello centrale, che quest’anno ha dato vistosi segnali di cedimento, senza comportare un esborso di grandissimo rilievo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*