“Africa? Una nuova storia” al Complesso del Vittoriano COMMENTA  

“Africa? Una nuova storia” al Complesso del Vittoriano COMMENTA  

L’arte africana rappresenta con orgoglio la sua terra e Roma la celebra, al Complesso del Vittoriano, con una mostra interamente dedicata a quella branchia di arte contemporanea dei maggiori pittori africani.

Leggi anche: Giovane senzatetto avvistata a Roma non è Maddie McCann

“Africa? Una nuova storia” sarà presente nella capitale fino al 17 gennaio 2010 con 80 opere africane tra dipinti, installazioni, video di artisti dell’ Africa Sub-Sahariana.

Leggi anche: Roma: vandalismo su statue ed elefantino

La mostra è curata da André Magnin ed è divisa in due parti:

Prima sezione dal titolo “La Collezione Pigozzi di Arte Contemporanea Africana” che riprende la collezione di Jean Pigozzi, uno dei maggiori collezionisti di arte contemporanea africana;

Seconda sezione “AristiAfricani” che comprende opere di artisti africani segnalati da varie Ambasciate di paesi africani.

Grazie a questa mostra si esprime l’unione che l’arte riesce a creare tra culture diverse e mostra l’apertura di quella occidentale a quella africana.
“Africa? Una nuova storia” è davvero la dimostrazione che l’Africa non è solo un paese sottosviluppato, ma che le risorse, quando possibile, possono essere sviluppate anche in modo diverso e produttivo.

L'articolo prosegue subito dopo

La mostra è al Complesso del Vittoriano ai Fori imperiali con ingressi:

– dalle 9.30 alle 19.30 dal lunedì al giovedì ;
– dalle 9.30 alle 23.30 il venerdì e il sabato;
– dalle 9.30 alle 20.30 la domenica.

L’ingresso è libero.

Foto tratta da flickr.com
utente eric Lafforgue

Leggi anche

senzatetto-riconosciuta-a-roma
Roma

Giovane senzatetto avvistata a Roma non è Maddie McCann

Se n'è parlato tutto il giorno e poche ore fa finalmente il mistero è stato risolto. Il padre della giovane senzatetto che per molti assomigliava a Madeleine McCann, la bimba scomparsa in Portogallo nel 2007, ha riconosciuto la giovane; ma la sua identità non è quella di Madeleine: si tratta di Embla Jauhojärvi, una ragazza svedese di 21 anni che il padre ha spiegato soffrire della sindrome di Asperger. La giovane è stata fermata tra le strade del cento storico di Roma da diversi giornalisti, dopo che si era sparsa la voce della sua somiglianza con la bambina scomparsa nel Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*