Airawear, la giacca che fa i massaggi alla schiena COMMENTA  

Airawear, la giacca che fa i massaggi alla schiena COMMENTA  

Airawear giacca massaggiante

Novità dal mondo dell’abbigliamento, dove l’incontro con la tecnologia ha dato vita a un prodotto innovativo: la giacca massaggiante.

Si chiama Airawear, è stata inventata a Singapore. Una soluzione per mal di schiena, mal di collo e dolori alle spalle. Un massaggio, certo, ma eseguito non con il classico metodo manuale, bensì con un sistema di bolle d’aria imprigionate all’interno di una giacca.

Leggi anche: Vivere in 24 mq: Carmel Building, primo palazzo di micro appartamenti a New York


Secondo quanto ha riportato il sito Wired, si chiama Airawear la innovativa giacca massaggiante ideata da un gruppo di persone a Singapore. Il funzionamento si basa sui movimenti di un certo numero di bolle d’aria presenti nel tessuto della giacca. Le bolle, muovendosi sulla superficie di collo, spalle e schiena, sarebbero in grado di applicare un vero e proprio massaggio.

Leggi anche: Vede una macchia sul collo della figlia, è legata al diabete


Il controllo dei movimenti delle bolle d’aria non può essere regolato tramite un’apposita app da installare sullo smartphone. In questo modo si possono impostare i principali parametri del massaggio, oltre alla funzione di base di accensione e spegnimento.


La giacca Airawear sarà presente sul mercato a partire dal prossimo autunno e, secondo molti, la sua distribuzione avrà un successo enorme.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*