Airbnb: in Italia è il terzo mercato al mondo per gli affitti temporanei COMMENTA  

Airbnb: in Italia è il terzo mercato al mondo per gli affitti temporanei COMMENTA  

Articolo sponsorizzato da:
Guest Hero è la società leader nella gestione degli appartamenti in affitto breve. Ci occupiamo di tutto, dal check in ad ampliare la visibilità del tuo appartamento online! Siamo degli eroi per i tuoi ospiti. Conosciamoci: www.guesthero.com

Miracoli della sharing economy: il valore di Airbnb è di 24 miliardi di dollari, più di Marriot, una delle catene alberghiere più importanti al mondo. La società californiana che organizza l’affitto temporaneo di camere e appartamenti, del resto, ha fatto un po’ da apripista a questo nuovo macrocosmo economico definito da Rifkin una vera e propria rivoluzione industriale. E come ogni fenomeno di successo non sono mancate le fasi delle polemiche e delle incomprensioni. Ostacoli che non hanno impedito ad Airbnb di continuare a macinare numeri su numeri in tutto il mondo, anche in Italia. Anzi, soprattutto in Italia perché il nostro Paese è il terzo al mondo nella classifica interna del colosso californiano, preceduto solamente da Stati Uniti e Francia.


Airbnb in Italia è guidata da un giovane di origini pugliesi, Matteo Stifanelli, diventato Country Manager dopo un breve periodo di stage a Berlino. Cosa faceva Stifanelli prima? Semplice, l’affittacamere su Airbnb. E ci racconta: «Quando ho scoperto Aibnb ne sono rimasto folgorato. Ho creato un sito in italiano che spiegava il funzionamento (all’epoca la piattaforma era solo in inglese), ho iniziato a fare rete con gli altri host della mia città. Ho creduto in questa idea, e dopo mesi mi contattarono dagli Stati Uniti. Oggi è il mio lavoro».


A Milano, in via Ripamonti, Airbnb ha i suoi uffici con una quindicina di dipendenti. Orari elastici, clima amichevole. Azienda che, come dicevamo, in Italia va fortissimo. È lo stesso Stifanelli a fornirci i dati ufficiali: «Più di 2 milioni e 700mila viaggiatori hanno soggiornato con Airbnb in Italia dal 2008 a oggi. In questo momento abbiamo più di 150.000 alloggi disponibili e la crescita, anno su anno in questo momento è del 99%». Niente male. «Sì, aggiungo che nel 2012 abbiamo calcolato una crescita del 650%».

Ma ci sono anche le accuse di concorrenza sleale, i limiti della sharing economy che spesso si trasforma in business e basta, un sistema normativo troppo datato per dare la giusta direzione alle innovazioni: «In città come Parigi, Amsterdam e Londra sono stati imposti dei limiti temporali, oltrepassati i quali se affitti il tuo appartamento, una tua stanza, devi cambiare la destinazione d’uso e devi comportarti come una struttura professionale» ci racconta il capo di Airbnb. E in Italia? «Stiamo lavorando con le istituzioni, ma per il momento questa limitazione non esiste». Quindi è ancora semplice, da noi, sforare in qualcosa di diverso dalla sharing economy? «Posso dirti che i nostri controlli sono asfissianti».


Che si tratti di host professionali o di occasionali, i nostri iscritti devono rispettare le regole. Airbnb ha contribuito in modo netto, e continua a farlo, all’emersione del “nero” che si annida nel settore immobiliare. Con noi non si scappa, ogni movimento è registrato. La transazione finanziaria è il business di Airbnb, che trattiene il 3% da chi propone una stanza e il 10% da chi la prende in fitto. Transazioni che, per l’Europa, passano tutte dall’Irlanda, dove Airbnb ha la sede legale e dove, al pari di altre big company americane, la società californiana paga le tasse.

L'articolo prosegue subito dopo


Diverse aziende sono inoltre emerse negli ultimi tempi al fine di facilitare l’accoglienza degli ospiti e la gestione dell’appartamento in affitto. Fra queste emerge Guesthero, società milanese che si occupa della gestione completa di case vacanza per affitti a breve termine.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*